Contenuto sponsorizzato

Inseguire un branco di lupi con l’auto? “Comportamento irresponsabile, gli animali sono stati sottoposti a grande stress”

Inseguire dei selvatici in auto può essere pericoloso sia per gli animali che per le persone, ecco i consigli degli esperti su come comportarsi: “Gli animali non sono a proprio agio quando si trovano tallonati da un veicolo, a qualsiasi velocità andiamo. Si spaventano e la condizione di elevato stress e paura può indurli a cambi improvvisi di direzione con elevato rischio di impatto, oltre che ad un grande dispendio di energie che di certo non giova”

Di Tiziano Grottolo - 09 gennaio 2021 - 15:59

AURONZO DI CADORE (BL). Le immagini che mostrano lo scellerato inseguimento di un branco di lupi nella zona di Passo Tre Croci sono arrivate anche al ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Numerose associazioni ambientaliste e gruppi che si occupano del monitoraggio dei lupi hanno scritto al ministro esprimendo la loro indignazione e chiedendo provvedimenti esemplari. Anche dal Trentino sono partite diverse segnalazioni per chiedere l’intervento dei carabinieri del Cites e del ministro su un fatto di questa portata.

 

Nel frattempo l’autore del video è stato individuato (QUI l’intervista) e con ogni probabilità sarà chiamato a rispondere delle sue azioni. Per un episodio analogo avvenuto in Trentino, cioè quando due soggetti a bordo di un’auto inseguirono un’orsa e il suo cucciolo, scattarono delle sanzioni (QUI articolo). In un altro caso un uomo inseguì un lupo mentre si trovava a bordo di una motoslitta (QUI articolo). Tutti comportamenti sbagliati e passibili di sanzioni. 

 

“Un inseguimento come quello mostrato nel video – spiega Paolo Scarian appassionato che si occupa del monitoraggio dei lupi in Trentino – per i lupi è fonte di grande stress. Percorrere 2 chilometri alla velocità di 50 chilometri all’ora provoca un grande dispendio di energie che può portare a dei seri problemi per la stessa salute degli esemplari coinvolti. In casi estremi potrebbe portarli anche alla morte”. A certe velocità infatti è difficile evitare gli impatti, soprattutto quando di fronte c’è un animale spaventato e in fuga. “Sicuramente – prosegue Scarian – i lupi possono raggiungere grandi velocità ma in natura non ha senso che corrano a questi ritmi per così tanto tempo”.

 

Nel video emerge chiaramente la stanchezza degli animali, a un certo punto per esempio uno dei lupi, nel tentativo di sottrarsi al suo inseguitore, si lancia alla disperata contro il muro di neve che costeggia la carreggiata senza riuscire a scavalcarlo e finendo per sbatterci contro. “Si può notare la fatica che alcuni esemplari fanno per respirare – commenta Scarian – anche un altro esemplare supera la neve con grande difficoltà”. L’appassionato comunque non ha dubbi: “Siamo di fronte a un comportamento da irresponsabile che va assolutamente condannato. Questa volta anche chi generalmente è ostile ai lupi è rimasto indignato”.

 

Ma quindi com’è meglio comportarsi quando ci si trova alla guida e si incrocia un animale selvatico? A spiegarlo ci pensano gli esperti di grandi carnivori sulla pagina Facebook “Io non ho paura del lupo”. “Gli animali non sono a proprio agio quando si trovano tallonati da un veicolo, a qualsiasi velocità andiamo. Si spaventano e la condizione di elevato stress e paura può indurli a cambi improvvisi di direzione con elevato rischio di impatto, oltre che ad un grande dispendio di energie che di certo non giova”.

 

Inoltre la notte gli animali vengono disorientati dalla luce emessa dai fanali delle auto e ne restano abbagliati. In altre parole fanno più fatica a capire come spostarsi dalla carreggiata. “La cosa migliore da fare – sottolineano gli esperti – per evitare di mettere in pericolo noi stessi e gli animali è quella di accostare il veicolo attivare gli stop ed aspettare che gli animali spontaneamente escano dalla carreggiata trovando un punto a loro idoneo per uscirne, di notte meglio abbassare l’intensità delle luci”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

20 gennaio - 19:12

Nell'ultimo confronto Stato-Regioni si è parlato dei tagli della Pfizer nella fornitura dei vaccini: "Abbiamo manifestato il nostro sconcerto". Un altro argomento è stato quello dei ristori. "Auspichiamo che il governo in carica sappia rispettare gli accordi presi con le categorie economiche. Non ci sono ancora garanzie e questo ci preoccupa". Il punto sui test salivari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato