Contenuto sponsorizzato

''Dieci anni fa ha ucciso di botte nostro fratello e ora vuol chiederci scusa. I soldi non li vogliamo. Meglio darli a chi aiuta persone come Miguel''

Nel 2009 un senzatetto venne massacrato in Piazza Dante da un omone per aver difeso una ragazza minorenne che stava importunando. L'assassino è stato condannato a 16 anni ma ora vuole chiedere scusa al fratello e alla sorella della vittima che con ilDolomiti rilanciano per ricordare quanto accadde quella notte 

Di Luca Pianesi - 10 febbraio 2019 - 05:01

TRENTO. ''Dieci anni fa ha massacrato di botte nostro fratello fino ad ucciderlo. Oggi vuole scriverci una lettera di scuse e per dimostrarci che è pentito. Ci ha fatto sapere che sarebbe pronto a versare una piccola somma mensile sul nostro conto a titolo di risarcimento. Ma come si può risarcire qualcuno per un dolore tanto grande? Se proprio non se ne potrà fare a meno vorremmo che quei soldi andassero ad aiutare altri Miguel, altre persone come lui che ne hanno bisogno, che non hanno un tetto o un piatto caldo su cui contare''. Per Guadalupe e Jesus Cayo Ramirez si è concluso da poco un gennaio che ha visto riaffiorare ricordi e dolori legati alla notte tra il 28 e il 29 aprile del 2009.

 

Una notte di smodata violenza durante la quale il loro fratello maggiore Miguel Angel Cayo è stato barbaramente ucciso, in Piazza Dante a Trento, a colpi di bastone per aver aiutato una ragazza, all'epoca minorenne, che un omone grande e grosso stava importunando. Questo omone si chiama Hamid El Hasnaoui marocchino condannato a 16 anni di carcere per quei secondi di irrefrenabile violenza che lo stesso giudice che aveva disposto la carcerazione aveva definito ''una vera e propria mattanza''. Lo aveva lasciato lì, nello stagnetto della parco di Piazza Dante senza vita con il cranio fracassato e il suo corpo fu rinvenuto, poi, dalla polizia.

 

Di Miguel e del suo gesto di altruismo e generosità ne avevamo scritto qualche tempo fa facendoci promotori, grazie all'iniziativa di un ragazzo trentino che lo aveva conosciuto in quegli anni, Roberto, di una targa che lo ricordasse e ricordasse il suo gesto. L'atto di coraggio di un cittadino del mondo, originario del Perù, che viveva da clochard e proprio in Piazza Dante (la piazza oggi simbolo dei problemi legati all'immigrazione in Trentino) spesso si trovava a passare delle serate e che quella notte del 28 aprile di 10 anni fa non c'ha pensato due volte a sacrificarsi per una persona in difficoltà nonostante lui fosse un uomo minuto e l'aggressore un energumeno.

 

Il Comune, dopo aver apprezzato l'iniziativa promossa anche da ilDolomiti, si è limitato a ricordare questo piccolo, grande, uomo poco prima della partenza della WiRun, la corsa per dire "no" alla violenza sulle donne, del 26 novembre 2017. Poca cosa ''ma per noi è stato già un atto molto importante'', spiegano oggi il fratello e la sorella di Miguel, Jesus e Guadalupe.

 

''Viviamo ad Arco e Miguel oggi è seppellito lì, vicino a noi - raccontano -. A gennaio, poi, abbiamo ricevuto la richiesta dell'assassino di nostro fratello di porgerci le sue scuse. Sono passati 10 anni e mai aveva dimostrato un minimo di pentimento, anzi. Questo ha fatto riaffiorare ricordi e pensieri e cercando su internet abbiamo scoperto quel che avevate fatto voi e questo ragazzo, Roberto. Qualcosa di straordinario che ci ha riempiti di orgoglio e di speranza. In pochi giorni siamo passati dallo sconforto di ricevere notizie dall'assassino di nostro fratello che chiedeva i nostri indirizzi per inviarci questa lettera di perdono alla voglia di reagire dopo aver letto i vostri articoli''.

 

''Noi soldi da quell'uomo non ne vogliamo - aggiungono - e se proprio dovessero arrivarci vorremmo che non toccassero nemmeno il nostro conto e andassero direttamente a qualche associazione che si occupa di aiutare i senzatetto e le persone in difficoltà, come era Miguel. E poi vorremmo tornare alla carica per ricordare in qualche modo nostro fratello e quel gesto di umanità che ha compiuto in quella terribile notte. Tra poco saranno 10 anni e ci piacerebbe che non venisse tutto dimenticato''. Un piccolo grande uomo per un gesto di assoluta generosità. Non avere il coraggio di ricordarlo sarebbe davvero un'occasione sprecata per tutta la comunità.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 05:01

L'assessore all'Istruzione delinea le coordinate della riforma: ''Punteremo sull'apprendimento linguistico in tenera età e sulla valorizzazione delle competenze dei professori''

23 febbraio - 11:50

Cinque associazioni hanno sottoscritto una lettera di protesta nei confronti della decisione della Provincia di bloccare il progetto di accoglienza per 24 donne ospitate a Lavarone e che saranno trasferite a Trento 

22 febbraio - 20:00

Nei prossimi mesi anche l'Arcidiocesi di Trento aprirà un nuovo sportello contro gli abusi interni alla chiesa. Nell'ultima relazione fatta dalla diocesi di Bolzano - Bressanone i casi di abusi sessuali e violenze sono stati undici  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato