Contenuto sponsorizzato

Foibe, il ricordo di CasaPound: ''La questura è complice della solennità rovinata dai sub-umani contro la Patria''

L'iniziativa in Largo Pigarelli si è svolta senza incidenti. Da un lato fiaccole, petti in fuori e sguardi alti, mentre a circondare CasaPound gli anarchici e i collettivi universitari. Castaldini: "Red Land? Imbrattamenti, azione vigliacca degli antifascisti"

Di Donatello Baldo e Luca Andreazza - 09 febbraio 2019 - 21:37

TRENTO. Parate militaresche, adunate, fiaccole e grida marziali. Il copione è stato perfettamente rispettato. Questi gli ingredienti davanti alla targa che ricorda le vittime delle Foibe in Largo Pigarelli a Trento della sessantina di militanti di CasaPound.

 

 

Non manca un po' di tensione per la presenza di una cinquantina di anarchici disposti verso piazza Venezia, mentre a rompere il canovaccio, ecco una trentina di persone dei collettivi universitari, assenti dalle scene in questa occasione da diversi anni. 

 

Dopo il lancio di qualche fumogeno la commemorazione è entrata nel vivo. "Ci sono i sub-umani contro la Patria: cercano di rovinare un momento solenne per ricordare i nostri connazionali", così Filippo Castaldini a passare in rassegna la sessantina di militanti perfettamente schierati e disposti, che aggiunge: "Evidente la complicità della questura che permette tutto questo".

 

 

Commemorazione di CasaPound per le vittime delle Foibe

Un riferimento anche per le scritte comparse al cinema Astra dopo la proiezione del film Red Land (Qui articolo). "Un'azione - continua Castaldini - che dimostra la vigliaccheria dell'antifascismo", quindi una punzecchiatura anche al Comune di Trento: "Ci sono voluti quindici giorni per pulire e riposizionare una lapide. Una lapida di materiale indegno, in plexiglas, per i valori che rappresenta".

 

Terminato il monologo ecco il "Camerati, attenti", "Onore ai martiri" e il "presente", "presente", "presente" a sancire il culmine della solennità. A questo punto anche gli anarchici si sono fatti sentire nell'urlo "Morte al fascio" e "Fascisti, carogne, tornate nelle fogne".

 

 

Dopo l'incrocio di sguardi tra CasaPound e anarchici, tenuti ben separati dalla polizia presente in forza, il rompete le righe. Copione perfettamente rispettato. Un appuntamento che segue quello del tardo pomeriggio a Riva del Garda.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 10:12

I Finanzieri hanno posto i sigilli a oltre 230 mila euro sui vari conti bancari dell’associazione e del suo rappresentante legale, un sessantaseienne trentino, nonché la villa e annesso garage, di proprietà di quest’ultimo, per una quota del valore di circa 310 mila euro

25 aprile - 06:01

C’è un punto a mio giudizio su cui va costruito e tenuto saldo il discorso antifascista: la scelta. E non deve stupire l'uso strumentale di Matteo Salvini ed il conseguente disconoscimento del valore della celebrazione dell’anniversario della Liberazione

 

25 aprile - 09:04

L'uomo aveva lasciato la figlia di 10 anni in auto mentre lui si era allontanato per fare volantinaggio. Dopo essere tornato si è accorto che il mezzo e la figlia erano spariti ed ha subito chiesto aiuto alle forze dell'ordine facendo scattare un’imponente caccia all’uomo. Ma poi si è accorto di essersi sbagliato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato