Contenuto sponsorizzato

Maltempo in Trentino, previsto fino a mezzo metro di neve in montagna. Aumenta il rischio di caduta alberi e permane il pericolo di valanghe

La nuova ondata di maltempo potrà portare  problemi di caduta rami o alberi in seguito all'azione combinata delle precipitazioni e del vento che andranno a sovrapporsi alla neve caduta nei giorni scorsi, con conseguenti possibili disagi alla circolazione e alle reti elettriche

Pubblicato il - 15 novembre 2019 - 08:32

TRENTO. L'ondata di maltempo non si ferma. Dopo la parentesi di ieri con qualche raggio di sole oggi è nuovamente allerta meteo. Da questa notte, infatti, su tutto il territorio ci sono precipitazioni diffuse che nel corso della mattina si intensificheranno fino a diventare forti e anche a carattere temporalesco.

 

Sui settori occidentali e settentrionali sono attesi 30 – 50 centimetri di neve attorno ai 1600 - 1800 metri. Da sabato a lunedì rimarranno condizioni variabili con fasi di precipitazioni perlopiù deboli o moderate, nevose oltre 1200 metri circa.

 

Le condizioni di maltempo potranno provocare problemi di caduta rami o alberi in seguito all'azione combinata delle precipitazioni e del vento che andranno a sovrapporsi alla neve caduta nei giorni scorsi, con conseguenti possibili disagi alla circolazione e alle reti elettriche.

 

In montagna permane il pericolo di valanghe per i nuovi significativi spessori di neve fresca che andranno a sovrapporsi su un manto nevoso non ancora consolidato.

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

19 settembre - 15:55

L'escursionista, che si trovava con un amico all'uscita della 23esima galleria, ha perso l'equilibrio sul bordo della scarpata ed è caduto nel vuoto

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato