Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 79 nuovi casi nell'ultima settimana nelle scuole altoatesine. Ecco le strutture interessate

La Provincia di Bolzano ha comunicato i dati riferiti all'ultima settimana per quanto riguarda i numeri dei contagi registrati nelle strutture scolastiche del territorio di competenza. Sono 79, divisi fra 33 nelle scuole italiane e 46 in quelle di lingua tedesca

Di Davide Leveghi - 20 ottobre 2020 - 18:25

BOLZANO. In una giornata caratterizzata da un boom dei contagi, con 209 nuove positività registrate, anche dalle scuole altoatesine arrivano numeri che restituiscono una situazione preoccupante. Nell'ultima settimana, comunica la Provincia, sono stati complessivamente 79 i casi registrati negli istituti di lingua italiana e di lingua tedesca.

 

Sono 33, nello specifico, i casi segnalati nelle scuole italiane, con dati che fanno riferimento ad un lasso di tempo che va da giovedì 15 ottobre a martedì 20. Tre positività afferiscono alle scuole di infanzia, con ben 8 sezioni che sono state messe in quarantena. Nelle scuole primarie, invece, i positivi sono 8, mentre le classi in quarantena sono 9. Crescono i numeri nelle scuole secondarie di primo grado, dove i nuovi contagiati sono 16, 3 le classi in quarantena.

 

In questo ambito permane fino al termine della settimana la chiusura della scuola Ada Negri di Bolzano, come annunciato dalla stessa Provincia in un comunicato datato domenica 18 ottobre. Nella struttura, infatti, erano stati accertati 8 casi di positività. All'interno dell'istituto, entro la settimana, saranno eseguiti dei test antigenici rapidi come ulteriore misura di prevenzione nei confronti degli alunni e del personale.

 

Il dato complessivo riguardante le scuole superiori di lingua italiana, infine, evidenzia 6 casi di positività e 3 classi poste in quarantena in tutta la provincia. Al Liceo classico Carducci di Bolzano proseguiranno fino al termine di questa settimana le lezioni a distanza per tutti i ragazzi, mentre le autorità sanitarie si stanno addossando il compito di testare a tappeto tutti gli studenti. Le lezioni in presenza, per quanto riguarda questo istituto, riprenderanno lunedì 26 ottobre.

 

Per quanto riguarda le scuole di lingua tedesca, invece, la situazione vede ben 46 casi nell'ultima settimana. A comunicarlo è la Sovrintendenza di lingua tedesca, che nelle scuole di propria competenza, nel periodo che va da lunedì 12 a venerdì 17 ottobre, ha registrato ben 46 casi, 18 dei quali tra scuole materne e elementari e 28 tra medie e superiori. Sono 195 i bambini in quarantena nel primo ciclo, mentre 241 sono i ragazzi sottoposti a tale misura per quanto riguarda il secondo ciclo. Qui di seguito pubblichiamo il dettaglio delle varie strutture interessate da casi di Coronavirus:

 

 

Importanti novità sono state comunicate dal presidente della Provincia Arno Kompatscher, che annunciando nuove limitazioni in vigore dalla giornata di mercoledì 21 ottobre, ha fissato in un 30% del monte ore complessivo il tetto minimo per la didattica a distanza nelle scuole superiori

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato