Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Coppola: “C’è troppa confusione sui dati dei trentini positivi, serve maggiore chiarezza”

Coppola solleva dubbi sulle affermazioni del dirigente del Dipartimento salute e politiche sociali Ruscitti e cita l’ex rettore Bassi: “I dati del Trentino sono fortemente condizionati dalla scelta di non confermare con tampone molecolare i positivi antigenici, facendo apparire una situazione molto migliore rispetto a quella reale”

Di T.G. - 16 November 2020 - 19:43

TRENTO. Riprendendo due articoli usciti su Il Dolomiti Lucia Coppola, ha depositato un’interrogazione per cercare di fare chiarezza sui dati dei positivi: Esiste una enorme confusione sui dati reali relativi al numero di trentini colpiti dal Covid-19”, commenta la consigliera provinciale di Futura.

 

Dubbi suffragati anche dall’analisi dell’ex rettore dell'Università di Trento Davide Bassi che sostiene:I dati del Trentino sono fortemente condizionati dalla scelta di non confermare con tampone molecolare i positivi antigenici, facendo apparire una situazione molto migliore rispetto a quella reale”. In altri termini, parafrasa Coppola, l’Apss non sarebbe in grado di seguire con certezza l’andamento dell’infezione da Covid-19”.

 

Parole che stridono con quanto dichiarato dal dirigente del Dipartimento salute e politiche sociali, Giancarlo Ruscitti, che al contrario affermava: “Migliaia di persone sono seguite a domicilio, c’è la Centrale Covid e i numeri verdi. Intendiamo potenziare e rafforzare il personale a disposizione, ma il 99% dei cittadini viene seguito in maniera accurato e puntuale”.

 

Insomma, qualcosa non torna perciò la consigliera ha deciso di presentare un’interrogazione dove si chiede conto, fra le altre cose, di quanti siano i cittadini curati a domicilio, ma anche del numero degli operatori socio-assistenziali e sanitari testati settimanalmente.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
02 dicembre - 20:39
Dopo le rivelazioni del sindaco Finato si allungano le ombre sul progetto per il Nuovo ospedale di Cavalese. Ora Cia chiede conto del ruolo avuto [...]
Cronaca
02 dicembre - 15:54
Il Centro in via Dogana 1 ha iniziato ad accogliere le vittime di violenza dai primi anni 2000, partendo da 92 arrivando a 335 nel 2021. [...]
Cronaca
02 dicembre - 19:23
Raffaele Sollecito fu condannato in primo grado nel 2009 e poi definitivamente assolto insieme ad Amanda Knox,  per la morte di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato