Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, gli esperti: “Situazione in peggioramento”. Gli Rt di Bolzano e Trento si abbassano, 9 Regioni sopra il livello di guardia

Ci sono 9 Regioni con un Rt superiore a 1, rischiano Lazio (0.99) e Bolzano (0.97). Resta alta l’attenzione in Provincia di Trento (0.78). L’Iss: “L’Italia si trova in una fase epidemiologica di transizione con tendenza ad un progressivo peggioramento”

Di Tiziano Grottolo - 14 August 2020 - 10:40

TRENTO. Il quadro che emerge dal report settimanale (con i dati aggiornati all’11 agosto) redatto da Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità preoccupa l’Italia. In particolare ci sono 9 Regioni con un Rt superiore a 1, la provincia di Bolzano si avvicina a questa soglia critica con Rt a 0.97 (la scorsa settimana era 1.43). Trento si ferma a 0.78 un dato tutto sommato positivo visto che risulta in calo rispetto alla scorsa settimana (1.28).

 

Nel dettaglio gli indici Rt per incidenza: Sicilia 1.41; Abruzzo 1.33; Toscana 1.28; Veneto 1.20; Puglia 1.14; Lombardia 1.13; Liguria 1.05; Piemonte 1.04; Marche 1.02; Lazio 0.99; Provincia di Bolzano 0.97; Provincia di Trento 0.78; Campania 0.86; Emilia-Romagna 0.77; Umbria 0.76; Val D'Aosta 0.37; Sardegna 0.33; Friuli-Venezia Giulia 0.32; Basilicata 0; Calabria 0; Molise 0.

 

 

“L’Italia – spiegano gli esperti – si trova in una fase epidemiologica di transizione con tendenza ad un progressivo peggioramento. Anche in questa settimana si rileva la trasmissione diffusa del virus su tutto il territorio nazionale che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti”. Spesso questi focolai sono associati all’importazione di casi dall’estero, anche per via dei turisti italiani di rientro dalle vacanze in Paesi considerati a rischio. Non a caso in Trentino chi torna da Grecia, Croazia, Malta e Spagna dovrà sottoporsi a tampone e quarantena (QUI articolo).

 

 

Il numero di nuovi casi di infezione rimane nel complesso contenuto anche se in aumento, risultati raggiunti grazie alla ricerca e la gestione dei contatti, inclusa la quarantena dei contatti stretti e l'isolamento immediato dei casi secondari. Resta essenziale identificare precocemente tutti i potenziali focolai di trasmissione e continuare a controllare l’epidemia.La situazione – concludono gli esperti – mostra importanti segnali di allerta per un possibile aumento della trasmissione. Al momento i dati confermano l’opportunità di mantenere le misure di prevenzione e controllo già adottate e di mantenere alta l’attenzione alla preparazione di interventi in caso di evoluzione in ulteriore peggioramento”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 aprile - 17:14
Sono stati analizzati 2.207 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 31 casi tra over 60 e 11 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare
Cronaca
11 aprile - 17:56
I quattro occupanti degli abitacoli, un 45enne, una 66enne, un 68enne e un 45enne, sono rimasti incastrati all'interno delle lamiere. I feriti [...]
Sport
11 aprile - 15:55
L'ex mediano del Verona scudettato nel 1985, aveva interrotto l'attività di medico dentista per la meritata pensione. E oggi, a quasi 70 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato