Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il Trentino in controtendenza e contagio più alto della media nazionale

Questo quanto emerge nell'analisi dei dati di Youtrend sull'ultima settimana di emergenza coronavirus. In Alto Adige e Veneto si registra un andamento migliore

Di Luca Andreazza - 27 aprile 2020 - 22:48

TRENTO. Un Trentino in controtendenza, questo quanto emerge nell'analisi dei dati di Youtrend sull'ultima settimana di emergenza coronavirus. Una crescita dei casi nella nostra provincia superiore a quella della media nazionale che si attesta al 10%. 

 

Oltre al nostro territorio, resta particolarmente caotica la situazione in Piemonte e in Liguria per quanto riguarda il Nord, mentre lungo lo Stivale ancora sopra media ci sono anche Abruzzo, Puglia e Sicilia.

Resta difficile il quadro in Lombardia e valle d'Aosta, ma i nuovi casi sono più contenuti rispetto al Trentino, così come il confronto con Veneto e Alto Adige.

 

L'emergenza sul territorio veneto è iniziata prima e ora sembra riuscire a gestire meglio quanto avviene, mentre l'Alto Adige, dove la diffusione di Covid-19 è stata piuttosto contestuale, registra i dati e l'andamento migliore nell'area del Nord-Est, compreso il Friuli Venezia Giulia.  

 

L'Alto Adige mantiene un trend abbastanza costante, livellato verso il basso: oggi la Provincia di Bolzano ha diffuso il bollettino e il rapporto contagi/tampone si attesta sotto il 2%. 

 

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina hanno analizzato 1.209 tamponi e trovato 15 nuovi positivi per un totale complessivo di 2.496 casi. Sono 270 i decessi da inizio epidemia (Qui articolo).

 

In Veneto sono stati registrati 108 nuovi contagi e 13 decessi nel report di lunedì 27 aprile. Complessivamente ci sono 17.579 casi e 1.344 morti.

Nelle ultime 24 ore in Trentino si è invece assistito a una impennata di nuovi positivi: 98 e un rapporto contagi/tampone poco sotto il 9% (Qui articolo).

 

Ci sono 4.626 casi e 407 decessi sul territorio provinciale da inizio epidemia (Qui articolo), si sale a 515 vittime se si aggiungono i 108 morti "simil Covid-19" (Qui approfondimento).

 

A livello nazionale sono tornate a salire un po' le vittime mentre si è registrato un calo delle persone attualmente malate e una flessione dei pazienti in terapia intensiva.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato