Contenuto sponsorizzato

In Veneto il coronavirus torna a fare paura, Zaia: “Contagi in aumento, 119 positivi”. Infetti anche 35 turisti rientrati dalla Croazia

Nella sola città di Treviso 35 turisti sono risultati positivi dopo essere rientrati dalla Croazia. Zaia: “Il tema vacanze pesa, in Veneto ci sono 1.789 positivi, 118 persone in ospedale. L’età media dei contagiati si è abbassata da 70 a 39 anni”

Di Tiziano Grottolo - 20 August 2020 - 16:01

VERONA. Il coronavirus torna a preoccupare il Veneto, il presidente della Regione Luca Zaia sottolinea di non voler fare allarmismo ma la situazione è seria: “Il bollettino di oggi parla di 119 positivi, di questi 72 provengono dalla città di Treviso”. Non solo, dei contagiati trevigiani ben 35 sono turisti di rientro dalle vacanze in Croazia: “Capite anche voi – commenta Zaia – che il tema vacanze pesa”.

 

I dati sull’andamento dei contagi, se raffrontati con quelli dello scorso 18 maggio, mostrano un evidente peggioramento: se in primavera le persone contagiate dal virus erano 18.950, oggi hanno raggiunto la cifra di 21.534, calcoli alla mano i positivi sono cresciuti di 2.584 unità. Per quanto riguarda le persone in isolamento, in riferimento allo stesso periodo, i cittadini in quarantena sono il doppio. Secondo quanto riferito in conferenza stampa l’età media dei contagiati in Veneto si sarebbe abbassata da 70 a 39 anni.

 

Il 18 maggio erano 3.870, oggi 6.565: Mettiamo in isolamento non solo i contatti stretti ma facciamo anche una ricerca importante attraverso il contact tracing. Inoltre – aggiunge Zaia – troviamo tanti positivi perché li cerchiamo, se non si fanno tamponi non si trovano”. Ben 1.416.948 i tamponi effettuati nelle ultime 14 ore.

 

Per quanto riguarda i ricoveri, attualmente ci sono 118 persone in ospedale (a maggio erano 541), di questi solo 35 sono ancora positivi al Covid-19. Salgono a 18 le terapie intensive, mentre i decessi raggiungono la spaventosa cifra di 2100. Ad oggi, in Veneto ci sono 1.789 positivi, cioè il 27,25% degli isolati, 135 i sintomatici (2,06%).

 

Ai contagi registrati fra i turisti di rientro dalle vacanze si sommano quelli provenienti dal focolaio individuato nel macello dell’Aia (sempre a Treviso), su circa 250 lavoratori sono stati sottoposti a tampone in 198, di questi 5 sono risultati positivi. Altri contagi provengono dal settore delle spedizioni. Nelle scorse ore si è tenuto un vertice sulla sanità: “Stiamo stiamo rafforzando i punti di accesso rapido in tutte le Usl – ha detto Zaia – dove ognuno dei vacanzieri, ma anche chi ha qualche necessità, può recarsi dalle 7 alle 13, dal lunedì alla domenica”.

 

Il presidente del Veneto ha messo in guardia anche i vacanzieri di rientro dalla città francese di Agde “dove è stato trovato un grande focolaio collegato a campeggi, ostelli e quant’altro”. Queste persone sono invitate a sottoporsi al tampone, una volta rientrati dalle vacanze. Resta obbligatorio, entro le 24 ore, per i cittadini provenienti da Croazia, Spagna, Grecia e Malta comunicare l’avvenuto rientro in Italia, dopodiché dovranno sottoporsi al test.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 22:18
Incidenti in sequenza avvenuti praticamente negli stessi punti tra Nogaredo, Ala, Avio e Affi in direzione Modena. Quattro impatti molto violenti [...]
Cronaca
21 aprile - 06:01
Maestri di sci, titolari di ristoranti e bar hanno deciso di partire dalle valli di Fiemme e Fassa per protestare davanti ai palazzi della [...]
Cronaca
20 aprile - 15:07
Dalla collaborazione fra i due trentini era nato un progetto per esaltare le eccellenze locali e un drink con il miele della Val di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato