Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, bar e ristoranti aperti fino alle 18 e ok agli spostamenti in provincia. Fugatti ha firmato una nuova ordinanza

Il Trentino è "Zona Gialla" e Fugatti ha firmato una nuova ordinanza. Bar e ristoranti potranno tenere aperto fino alle 18. Non si potranno varcare i confini provinciali 

Pubblicato il - 16 January 2021 - 08:26

TRENTO. Rimane il coprifuoco dalle 22 alle 5 di mattina, si potranno fanno visite a parenti e amici per un massimo di due persone e i musei potranno riaprire, ovviamente difficilmente arriveranno visitatori da altre regioni.

 

Il Trentino è uno dei sei territori italiani che fino a domenica 24 gennaio rimarranno in “Zona gialla”. Ci si potrà spostare liberamente all'interno della provincia ma non si potranno varcare i confini nemmeno con la provincia di Bolzano che tra l'altro è diventata “Zona rossa” anche se il governatore Kompatscher ha già fatto sapere di non accettarlo. (QUI L'ARTICOLO)

 

Ieri sera il presidente Maurizio Fugatti ha firmato la nuova ordinanza, la numero 63, che sostanzialmente recepisce le linee nazionali.

 

Per quanto riguarda il trasportato pubblico locale le disposizioni non cambiano rispetto a metà dicembre, la salita degli utenti avviene solo dalla porta anteriore e la discesa dalle porte centrali e posteriori. Oltre a questo ogni 15 minuti occorre un ricambio d'aria.

 

Fino al 15 febbraio non ci si potrà spostare in altre regioni o province autonome. A prescindere quindi dei colori non si potrà raggiungere il Veneto e nemmeno l'Alto Adige. Tutto questo salvo motivazioni di salute, lavoro o necessità.

 

Per quanto riguarda bar e ristoranti, potranno rimanere aperti fino alle ore 18. Dopo questo orario, come stabilito dall'ultimo decreto, è “vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico” mentre “resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati” così come “resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze”.

 

Chiuse fino al 5 marzo palestre e piscine.

 

Ecco la nuova ordinanza

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 settembre - 21:01
Sono state lunghe e articolate le indagini della polizia locale val di Fassa per ricostruire la dinamica dell'incidente. La coppia era in [...]
Politica
22 settembre - 21:29
L'editore Laterza a Ottoemezzo, programma di La7 condotto da Lilli Gruber, è tornato sulla kermesse dello scoiattolo: "Un Festival basato sulla [...]
Cronaca
22 settembre - 20:04
Trovati 38 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 48 guarigioni. Sono 18 i pazienti in ospedale, di cui 3 ricoverati in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato