Contenuto sponsorizzato

Carenza medici in Trentino, ''Le nostre comunità prive di un pediatra'' l'appello dei genitori alla Pat. Filippi: ''Situazione non semplice, diversi pensionamenti in vista''

Come altre categorie sanitarie anche quella dei pediatri vede una carenza di professionisti pronti a sostituire chi decide di trasferirsi o chi va in pensione. I cittadini di Altavalle e Cembra – Lisignago ​scrivono a Fugatti, Segnana e Ferro: "Noi e i nostri bambini ci siamo visti privare di un servizio essenziale come la presenza costante e stabile sul territorio di un pediatra, che smentisce i buoni proposti della politica”

Di G.Fin - 21 March 2022 - 20:53

TRENTO. Da un lato la volontà da parte della Giunta provinciale e dell'Azienda sanitaria di distribuire i servizi sanitari sul territorio dall'altra però il caso di un'intera comunità che ora si trova senza un servizio di pediatria. E' questa la denuncia che viene fatta attraverso una lettera di cittadini di Altavalle e Cembra – Lisignago indignati per la soppressione degli ambulatori pediatrici sul proprio territorio.

Nella lettera, indirizzata dal presidente Maurizio Fugatti, all'assessora alla Salute Stefania Segnana e al direttore dell'Apss, Antonio Ferro, vengono citate le parole pronunciate dal governatore nel parlare della “nuova visione” della Sanità trentina che avrebbe dovuto vedere uno schema reimpostato rispetto al passato con la sanità territorio al centro.

 

“Di fatto però, noi e i nostri bambini ci siamo visti privare di un servizio essenziale come la presenza costante e stabile sul territorio di un pediatra, che smentisce i buoni proposti della politica” spiegano i genitori.

 

I problemi sono iniziati nel marzo del 2021 quando la storica pediatra della sponda destra della Valle di Cembra ha lasciato l'incarico ed è stato sostituita da una collega che ha risposto ad un concorso dell'Apss per l'ambulatorio di Giovo, lasciando scoperti altri due grossi comuni come Altavalle e Cembra – Lisignago.

 

La nuova pediatra avrebbe dato disponibilità di tenere aperto l'ambulatorio di Cembra una volta alla settimana, altrimenti tutte le famiglie sarebbero state costrette a spostarsi a Verla di Giovo.

“Parlando di cifre – spiegano nella lettera i cittadini – due comunità che insieme contano circa 4 mila abitanti sono prive di medico pediatra. Come famiglie riteniamo che questa sia una gravissima mancanza a livello territoriale”.

 

La richiesta che viene fatta all'Azienda Sanitaria e alla Giunta provinciale è quella di “impregnarsi rapidamente per risolvere questo problema”.

 

I PEDIATRI

Quella dei pediatri è una professionale medica che come molte altre sta soffrendo di una carenza di nuovi professionisti sul territorio. A confermarlo, per l'Ordine dei medici, è la pediatra Lorena Filippi. “Anche i pediatri di famiglia – spiega a ilDolomiti – si trovano in una situazione di sofferenza. Nei prossimi tre o quattro anni ci saranno diversi pensionamenti e ci troviamo ad avere pochi nuovi professionisti in campo per sostituirli”.

 

Quello dei pediatri di famiglia è un servizio che cerca il più possibile di avere una struttura capillare sul territorio. “Il nostro obiettivo – spiega Filippi – è quello di essere i più vicini possibili alle famiglie ma non è semplice. Cerchiamo di operare in prossimità”.

 

Se da un lato in questi anni si è registrata una diminuzione nelle nascite dall'altro, comunque, non sempre è semplice la situazione sul territorio. Sono già diversi gli ambiti dove i pediatri in attività collaborano per cercare di coprire quelle zone dove ad oggi non è presente un professionista anche per i ridotti numeri di utenti. “Non è semplice – spiega la pediatra Filippi – ma noi cerchiamo di dare il massimo per aiutare le famiglie”

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
25 giugno - 20:37
Lo Stelvio non getta la spugna nella pratica dello sci estivo, anche se la neve fatica a scendere anche a oltre 3 mila metri: "Usiamo i teli in [...]
Cronaca
25 giugno - 18:21
Dopo la tragedia in autostrada costata la vita alla 31enne infermiera sono stati tantissimi i messaggi di cordoglio alla famiglia. Il fratello [...]
Cronaca
25 giugno - 20:15
L'incidente è avvenuto sulla statale 237 del Caffaro. Lunga operazione di pulizia per i vigili del fuoco per ripristinare la sicurezza e la [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato