Contenuto sponsorizzato

Un minibond per migliorare ancora la qualità del percorso riabilitativo dei pazienti: Casa di Cura Villa Regina di Arco si proietta nel futuro con Mediocredito

Ha un valore di 750 mila euro ed è stato emesso dalla società arecense punto di riferimento in Italia per la lungodegenza e la riabilitazione estensiva. Cariello: ''Nel tempo ai servizi tradizionali abbiamo aggiunto una moderna e innovativa struttura per l’ospitalità di anziani autosufficienti e nuovi percorsi riabilitativi offerti nella cura del Linfedema. Per proseguire questo cammino di crescita e di continuo miglioramento appare consono utilizzare nuovi strumenti finanziari''

Pubblicato il - 28 gennaio 2020 - 12:32

TRENTO. Dal 1932, anno di fondazione, di acqua sotto i ponti ne è passata tanta e oggi Casa di Cura Villa Regina di Arco si lancia nel futuro emettendo il suo primo minibond (da 750 mila euro con scadenza a fine 2022) sottoscritto da Mediocredito Trentino Alto Adige. La struttura, gestita da 4 generazioni dalla famiglia Guarnati Cariello, rappresenta uno dei più importanti punti di riferimento in Italia per la lungodegenza e la riabilitazione estensiva in quanto circa il 70% dei propri pazienti proviene dalle altre regioni.

 

Le prestazioni sanitarie offerte sono riconosciute di elevata qualità e i percorsi riabilitativi sono all’avanguardia e vengono erogati in condizioni di comfort. Ma anche una struttura affermata e a suo modo leader nel settore, per restare tale, ha bisogno di investimenti e l'emissione obbligazionaria servirà proprio a questo: a supportare il piano di sviluppo della società, andando a incidere ulteriormente sul miglioramento della qualità del percorso riabilitativo dei pazienti.

 

 

''La nostra casa di cura - spiega Mario Claudio Cariello vice presidente della società - nel corso della sua lunga attività ha avuto molti riconoscimenti per i servizi erogati in Italia. Nel tempo i servizi tradizionali svolti dalla struttura di lungodegenza e riabilitazione estensiva sono stati arricchiti sia con la realizzazione di una moderna ed innovativa struttura per l’ospitalità di anziani autosufficienti, sia con la realizzazione di nuovi percorsi riabilitativi offerti nella cura del Linfedema, dove la sua specializzazione è riconosciuta a livello nazionale. Per proseguire questo cammino di crescita e di continuo miglioramento appare consono utilizzare nuovi strumenti finanziari innovativi per il nostro settore''.

 

''Abbiamo apprezzato la Casa di Cura Villa Regina di Arco, un’azienda altamente attrattiva nell’ambito della lungo degenza e della riabilitazione, un polo importante per il nostro territorio - aggiunge Diego Pelizzari, direttore generale di Mediocredito Trentino Alto Adige -. Siamo felici di poterla supportare nel proprio percorso di crescita che, grazie all’emissione del minibond, gestito e sottoscritto interamente della banca, potrà proseguire incrementando il livello di eccellenza dei servizi offerti''. L’emissione è la quinta nell’arco di pochi mesi e rientra nell’ambito dell’accordo tra associazioni di categoria, Provincia, banche e Confidi: un Protocollo d’Intesa volto a favorire l’accesso al credito delle piccole imprese trentine per il quale Mediocredito Trentino Alto Adige ha destinato un plafond di 10 milioni di euro per le emissioni di minibond, sgravando le imprese dei relativi costi legali e organizzativi. Altre operazioni dirette a sostenere gli investimenti di aziende trentine, sono già vicine al closing.

 

Mediocredito Trentino Alto Adige nel ruolo di advisor e arranger, ha offerto la consulenza finanziaria, ha affiancato la società nella redazione dei business plan, ha fornito il supporto legale per gli aspetti formali, normativi e per la predisposizione del regolamento del prestito, ha fornito l’assistenza fino alla fase finale di emissione del titolo, che è stato sottoscritto interamente dalla banca. La Casa di Cura Villa Regina è stata inoltre assistita per gli aspetti tecnico-legali dalla joint venture FFT - Fatigato Follieri Teta con il partner, giuslavorista, Michele Fatigato e per gli aspetti fiscali dallo Studio Commerciale Rinaldi – Varraso & Associati con i partner Marco Rinaldi e Michele Varraso.

 

''L’operazione mette oltremodo in luce come questi strumenti alternativi di finanziamento possano essere un concreto aiuto allo sviluppo delle aziende e al benessere dei territori e delle persone” conclude il presidente del Cda di Casa di Cura Villa Regina Lorenzo Prati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 14:12

Il Governo si è preso l’impegno di erogare i primi aiuti già a novembre: “Abbiamo previsto una serie di indennizzi per coloro che saranno penalizzati dalle nuove norme”. In arrivo nuovi contributi a fondo perduto, cancellata la seconda rata Imu e confermata la cassa integrazione

25 ottobre - 17:01

Il vicepresidente della Confesercenti, Massimiliano Peterlana, descrive la situazione del comparto terziario dopo il nuovo Dpcm. "Ci aspettavamo degli interventi puntuali e circoscritti alle situazioni dove le regole non vengono rispettate, anziché un intervento a tappeto che colpisce tutti indistintamente"

25 ottobre - 17:34

La Provincia di Trento ha deliberato su proposta dell'assessora Giulia Zanotelli di formare dei cacciatori che abbattano almeno 120 cormorani all'anno. Questi animali, esponenzialmente cresciuti di numero negli ultimi decenni, si nutrono infatti di pesci anche pregiati, come la trota marmorata, danneggiando la pesca

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato