Contenuto sponsorizzato

Bezzi 'inguaia' Zanetti: ''Io sono di Forza Italia e resto di Forza Italia'' e viene bacchettato da Bisesti: ''La Lega non ha bisogno di freni''

Il consigliere provinciale uscente, oggi candidato ''con Fugatti - Udc'' in un'intervista oggi spiegava che ''Freneremo gli eccessi della Lega'' e ''ringrazio chi, come Cristian Zanetti o Luca Bazzanella non si sono candidati con Forza Italia per supportarmi''. Sono arrivate le prese di posizione del segretario della Lega e del coordinatore di Forza Italia Perego

Di Luca Pianesi - 16 settembre 2018 - 19:49

TRENTO. ''Freneremo gli eccessi della Lega'', ''ringrazio chi, come Cristian Zanetti o Luca Bazzanella non si sono candidati con Forza Italia per supportarmi''. Ha alzato un vero polverone in casa centrodestra l'intervista rilasciata da Giacomo Bezzi quest'oggi al quotidiano L'Adige. Le due dichiarazioni fatte dal consigliere provinciale uscente di Forza Italia, oggi candidato con la lista ''Con Fugatti-Udc'', non sono piaciute al segretario della Lega Mirko Bisesti che a Bezzi ha risposto così: ''Tengo ad evidenziare che non abbiamo bisogno in coalizione di chi cerca di fermarci o frenarci dall'interno. La Lega e Salvini vogliono migliorare questo Paese e il Trentino. Se il consigliere Bezzi vuole essere un freno alla Lega e alla coalizione del cambiamento lo pregherei di rivedere la sua posizione". 

 

Per quanto riguarda la presunta scelta di Zanetti e Bazzanella a non candidarsi per Forza Italia per supportare Bezzi è il commissario provinciale di Forza Italia Perego a comunicare che "Forza Italia precisa che mai è stata chiesta la disponibilità a candidare nelle proprie liste ai signori Zanetti e Bazzanella, i quali, da tempo, hanno deciso di dissociare la propria azione politica da quella di Forza Italia attraverso dichiarazioni pubbliche e conseguenti comportamenti. Forza Italia - prosegue - rende altresì noto che, ai sensi del vigente Statuto, qualunque membro del Partito che, in occasione di campagne elettorali svolga qualsivoglia attività di sostegno a liste concorrenti con quelle ufficiali di Forza Italia, è da ritenersi al di fuori del partito con conseguente decadimento da ogni carica eventualmente ricoperta e con il conseguente divieto di utilizzare il simbolo ed il nome del partito".
 

Come dire a Cristian Zanetti, il consigliere comunale di Trento di Forza Italia, che da oggi è fuori. ''Io sono sempre stato di Forza Italia e resto di Forza Italia - commenta Zanetti -. E anzi ci tengo a sottolineare che dal 2015 sono l'unico candidato di Forza Italia eletto con le preferenze, dalla gente, in Trentino. Fatta questa necessaria premessa ci tengo a sottolineare che nessuno mi ha chiesto di candidarmi. Io, ovviamente, cercherò in tutti i modi di dare il mio contributo in termini elettorali a Forza Italia anche in queste provinciali anche se al momento né il commissario Perego né altri hanno pensato di coinvolgermi nella campagna elettorale. Con Giacomo Bezzi c'è un ottimo rapporto di amicizia ma essendo io uno abituato a lavorare, so distinguere amicizia, politica e lavoro. Posso essere amico di una persona ma non condividerne il percorso politico".

 

''Mi stupisce, comunque - conclude Zanetti - il comportamento di Perego che non ha pensato fosse meglio contattarmi direttamente e chiedermi se fosse vero quanto è uscito sul giornale invece che uscire a sua volta a mezzo stampa con un messaggio di questo tipo. Io ribadisco che sono di Forza Italia e resto di Forza Italia".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 19:01

Il video mostra chiaramente cosa pensava il consigliere leghista prima di diventare presidente e cioè che per un decennio tutti abbiano mentito sul ritorno del lupo in Trentino (pensiero confermato dalla parlamentare Cattoi pochi giorni fa). Ora che è alla guida della Pat ha accesso a documenti e studi e può parlare con quegli stessi dirigenti che definiva con una ''impostazione ideologica''. Interrogazione di Ugo Rossi ''al fine di meglio tutelare l’immagine dell’istituzione che rappresenta''

20 febbraio - 20:33

L'esponente di Civica Trentina diventerebbe vicepresidente ma nella maggioranza qualcuno vorrebbe negargli gli Enti locali. Sul fronte della giunta regionale, Kompatscher non sembra convinto di affidare all'esponente di Agire l'assessorato 'pesante' delle Politiche sociali

20 febbraio - 20:07

Ieri l'intervento dei carabinieri del Ros e dei carabinieri di Trento, ma anche gli agenti della Digos e della Direzione centrale della polizia di prevenzione hanno portato all'arresto di sette persone appartenenti ad una cellula anarco-insurrezionalista

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato