Contenuto sponsorizzato

Centrosinistra non pervenuto in Val di Fassa, il centrodestra sfonda ovunque, in Cembra ''boom'' di CasaPound, quanta fatica per De Laurentis e Ottobre in casa

Il miglior risultato del Movimento 5 stelle in Alto Garda e Ledro. In Alta Valsugana Primon batte Autonomia Dinamica. In Valsugana e Tesino voto a senso unico. Il Moviment Ladin unico avversario del centrodestra in Val di Fassa

Di Luca Andreazza - 23 ottobre 2018 - 06:01

TRENTO. "Un mandato chiaro dagli elettori", questo il commento a caldo di Maurizio Fugatti a scrutinio ancora aperto e ribadito nella festa in piazza Battisti. 

 

Effettivamente tutti i territori si sono schierati in modo deciso e netto per il centrodestra. Non c'è praticamente mai stata partita e il centrodestra è sempre rimasto oltre il 40% fino al 46,73% finale.

 

In Val di Fiemme il neo-presidente è riuscito a doppiare il rivale del centrosinistra. Il leader della Lega al 53,68% e Giorgio Tonini al 24,96%. Terzo il Patt di Ugo Rossi all'8,99%. 

 

Stessa sorte in Primiero: Maurizio Fugatti in fuga al 55,06% e dietro il centrosinistra ad arrancare al 22,73%. Il Patt si ferma all'11,85%. In queste sezioni Popoli Liberi (1,09%) doppia Mauro Ottobre (0,48%). 

 

In Valsugana e Tesino votazione a senso unico: il centrodestra sfonda il 60%, per la precisione 62,82%, mentre Giorgio Tonini a distanza siderale al 18,82% e Ugo Rossi poco meno del 10%. Anche in questo caso Paolo Primon chiude davanti ad Autonomia Dinamica.

 

Le forze in campo non cambiano in Alta Valsugana e Bernstol. Vittoria meno netta per il centrodestra, che comunque raggiunge quasi il 50% delle preferenze e centrosinistra quasi raddoppiato. Qui si registra tra i comportamenti più brillanti del Movimento 5 stelle che si ferma a 7,36%. 

 

In Valle di Cembra Maurizio Fugatti arriva al 50,31%, mentre il centrosinistra al 20,33% tallonato dal Patt al 17,73%. Molto dietro ai pentastellati, ecco un po' a sorpresa CasaPound e Filippo Castaldini, quinta forza del territorio con l'1,33%, meglio di Antonella Valer (L'Altro Trentino a sinistra e Liberi e Uguali) all'1,30%. Qui Paolo Primon batte Roberto De Laurentis: 1% a 0,63%. 

 

In Valle di Non il Patt in seconda piazza dietro a Maurizio Fugatti. Il governatore uscente si attesa al 18%, mentre Tonini insegue al 17,43%. Autonomia Dinamica (5,89%) meglio del Movimento 5 stelle (4,49%). Il leader della Lega espugna anche la Val di Sole al 47,58%. Ma Ugo Rossi tiene, anche se staccato, al 30,34%. Il centrosinistra langue al 13,91%. 

 

Nelle Giudicarie è sempre il centrodestra a dettare legge al 59,80%, quindi il centrosinistra al 20,62% e il Patt al 9,68%. Roberto De Laurentis (1,05%) a ridosso di Antonella Valer (1,36%). Nemo propheta in patria. Roberto De Laurentis e Mauro Ottobre incassano il miglior risultato in casa, cioè nell'Alto Garda e Ledro, ma Tre e Autonomia Dinamica strappano rispettivamente l'8,66% e il 7,01%. 

 

L'ex presidente degli artigiani fa meglio del Patt che si attesta all'8,50%. Il Movimento 5 stelle sfiora il 10% e raggiunge il 9,68%, il miglior risultato in questa tornata elettorale. In questo territorio il centrosinistra chiude più vicino al centrodestra, anche se separati da ben 10%: Maurizio Fugatti a 35,68% e Giorgio Tonini a 25,99%.

 

In Vallagarina il centrodestra chiude sul 44,33%, mentre il centrosinistra al 27,53% e Ugo Rossi all'11,64%. I pentastellati al quarto posto con l'8,80% delle preferenze. Antonella Valer al 2,90% regola Mauro Ottobre (2,06%), Paolo Primon (1,11%) e Roberto De Laurentis (0,93%).

 

In Val di Fassa vince Fugatti (49,77%), ma il secondo posto è appannaggio del Moviment Ladin al 35,10%. Non pervenuti gli altri: il Patt al 3,57% e Tonini al 3,51%. Roberto De Laurentis al fotofinish su Degasperi, 3,32% a 3,23%. E' sempre Maurizio Fugatti a trionfare sull'Alpe Cimbra al 47,46%, quindi Tonini al 31,31%. Il Patt chiude al 9,84%, mentre Popoli Liberi sfiora il 2% e si ferma all'1,91%. Anche in piana Rotaliana non c'è storia: il centrodestra sul 49,42%, poi il centrosinistra di un soffio su Rossi (19,96% a 18,89%). 

 

In Paganella il Patt fa meglio del centrosinistra, 21,15% a 16,97%. Testa a testa tra centrodestra e centrosinistra, ma alla fine riesce a spuntarla Fugatti con un margine di quattro punti percentuali. La nuova maggioranza si impone per 39,72%, mentre l'Alleanza si ferma a 35,71%. Il Patt al 9,79% e il Movimento 5 stelle al 7,95%. La Valle dei Laghi è del centrodestra per il 43,20% davanti a Tonini (22,84%) e Rossi (17,39%). 

 

Il Movimento 5 stelle si attesta al 9,12% e Antonella Valer al 2,69%. Spazio poi a Mauro Ottobre (1,47%), Tre (1,18%), CasaPound (0,96%) e Primon (0,89%). 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato