Contenuto sponsorizzato

I 5 stelle all'attacco: "Un vigile ha ceduto scorrettamente uno skipass a persona non autorizzata"

Pronta la smentita di Trento Funivie: "Non c'è stato alcun abuso". Oltre un milione di euro investito per il restyling della stazione: "Interventi che pagano, grande afflusso in Bondone"

Di Luca Andreazza - 12 gennaio 2018 - 11:29

TRENTO. I 5 stelle attaccano. Trento Funivie smentisce. Questa in sintesi il botta e risposta dopo una domanda d'attualità presentata dai pentastellati in Consiglio comunale: ci sarebbe stato un utilizzo irregolare di uno skipass stagionale in capo ai vigili urbani.

 

"Da quanto sappiamo - spiegano Andrea Maschio, Paolo Negroni e Marco Santini - dopo un servizio di Controllo piste di sci sul Bondone da parte della polizia locale, la stessa gode della possibilità di avere in omaggio alcuni biglietti stagionali ad uso interno. Per utilizzarli i membri della polizia devono firmare l’avvenuto prelievo e possono utilizzarlo solo personalmente, senza cederlo a terzi".

 

Nei giorni tra il 6 e il 10 gennaio però sarebbe stato segnalato il sequestro da parte dei gestori di Trento Funivie di uno stagionale usato impropriamente da persona non autorizzata.

 

"Lo stagionale - aggiungono i consiglieri - era stato preso da un capoufficio della polizia locale e ceduto scorrettamente a persona non autorizzata, da qui il sequestro. Chiediamo pertanto quali provvedimenti verranno presi nei confronti di chi dovrebbe far rispettare le leggi e si comporta invece in modo scorretto".

 

Pronta la smentita della società. "Non si è verificato nulla di simile", commenta Fulvio Rigotti, numero uno di Trento Funivie, che aggiunge: "Succede nella fretta - dice - che ci siano degli scambi delle tessere di servizio a uso interno. Un errore in buona fede, che abbiamo segnalato. Mi preme però sottolineare che non abbiamo sequestrato skipass e non c'è stato alcun abuso".

 

Dopo un'ottima partenza, il Bondone si avvia verso febbraio. "Il periodo di Natale e Capodanno - evidenzia Rigotti - è andato molto bene. Tutti gli indicatori sono in aumento, anche per quanto riguarda gli stagionali staccati. Nonostante il maltempo e la pioggia caduta a inizio mese le piste sono perfette e tutte aperte: i nostri addetti sono costantemente impegnati nel garantire qualità e sicurezza".

 

Stazione oggetto nell'estate scorsa di un importante restyling tra i sistemi di innevamento programmato potenziati, snowpark ammodernato e la varietà di piste. "Abbiamo investito - prosegue il presidente - oltre un milione di euro e questi interventi pagano. Notiamo anche un ritorno da parte dei cittadini per una nuova riscoperta della montagna".

 

Un inverno però ancora lungo. "Il programma di appuntamenti e iniziative è ricco - conclude Rigotti - ma i risultati per il momento sono ottimi e possiamo guardare fiduciosi al resto della stagione: i corsi di sci in collaborazione con il Comune sono sold out e anche le notturne hanno riscontro. La strada è quella giusta".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato