Contenuto sponsorizzato

I voti nelle circoscrizioni di Trento, il centrosinistra perde a Villazzano, non c'è partita a Gardolo. Futura sfiora il sorpasso sulla Lega a S. Giuseppe-S. Chiara

Il centrodestra si è preso sette circoscrizioni su dodici, ma il carroccio è il primo partito in nove enti locali. Ecco tutti i risultati

Di Luca Andreazza - 23 ottobre 2018 - 17:22

TRENTO. La Lega si è affermata anche in città (Qui articolo). Il centrodestra si è preso in particolare sette circoscrizioni su dodici, ma il carroccio è il primo partito in nove.

 

L'Argentario sorride a Giorgio Tonini, ma la Lega dice 21,87% e batte il Partito democratico al 19,96%. Al terzo posto Futura al 13,86%, meglio di Patt (8,04%) e Movimento 5 stelle (8,04%). 

 

Nella circoscrizione Oltrefersina è un testa a testa, il centrosinistra finisce avanti, ma a vincere è la Lega (21,90%) sul Partito democratico (20,41%). Futura sfiora il 15%. Stesso discorso a Sardagna: Giorgio Tonini vince nel complesso, ma la Lega è il primo partito. Il 23,97% del carroccio mette d'accordo Pd (21,68%) e Patt (12,21%). 

 

Sul Bondone vittoria netta del centrodestra e la Lega arriva a quasi doppiare il Partito democratico. Il carroccio agguanta il 27,91% degli elettori, i democratici arrancano al 15,69%. Bagarre per il terzo posto, il Patt (10,17%) sale sull'ultimo gradino di un soffio su Futura (10,10%) e Movimento 5 stelle (9,99%).

In centro storico-Piedicastello la Lega raggiunge il 22,46%. Margine di circa sei punti percentuali sul Pd (18,72%). Ancora terzo posto per Futura (14,33%) che fa decisamente meglio di Stelle alpine (8,96%) e pentastellati (7,90%).

 

A Gardolo non c'è proprio gara. La Lega sfonda al 31,89% e lascia appena il 12,52% al Pd. Si vede il Movimento 5 stelle (10,10%) in volata su Futura (9,99%) e Patt (9,71%). Distacco importante anche a Ravina-Romagnano: il carroccio chiude davanti a tutti con il 28,20% di consensi, mentre Pd (16,21%) e Futura (11,63%) guardano da lontano.

 

Tutto facile anche a Mattarello per la Lega: 24,10%. Secondo il Pd (17,70%). Questa volta il fotofinish premia le Stelle alpine (9,62%) rispetto a Futura (9,21%) e 5 stelle (8,46%). Civica Trentina dell'unico presidente di circoscrizione in lizza, Michele Ravagni, chiude al 6,13%.

A Meano supremazia schiacciante della Lega al 31,53%. Agli altri restano le briciole, raccolte soprattutto da Partito democratico al 12,98% e Patt all'11,34%.

 

Il Partito democratico resiste solo in collina e nella circoscrizione S. Giuseppe-S. Chiara. A Povo il Pd raggiunge il 20,75% davanti a Lega (17,60%) e Futura (14,98%).

 

A S. Giuseppe-S. Chiara invece Futura sfiora il colpo grosso. Il Pd è davanti a tutti (23,29%), ma il partito di Paolo Ghezzi tallona quello di Mirko Bisesti: finisce 17,88% a 17,59% per la forza del neo-presidente Fugatti.

 

A Villazzano i democratici vincono in extremis sul carroccio: 20,94% a 20,41%. Futura in terza piazza al 13,43%. Ma non basta Fugatti si prende la circoscrizione per i voti degli alleati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato