Contenuto sponsorizzato

Il dipartimento diventa della Conosc(i)enza: Bisesti assessore a Istruzione, Università e Cultura da poche ore infila già la prima gaffe

Per molti inadeguato per ricoprire un ruolo così importante oggi, a poche ore dalla sua nomina, sbaglia un post in maniera clamorosa facendo un errore da terza elementare. E c'è già chi si preoccupa

Di Luca Pianesi - 14 novembre 2018 - 11:11

TRENTO. Si parte subito col botto. Il neo assessore all'Istruzione, Cultura e Università Mirko Bisesti inaugura il suo percorso alla guida del mondo della cultura provinciale con un errore da terza elementare: "Appena conclusa la mia visita al Dipartimento Conoscienza. Abbiamo affrontato vari argomenti che interessano i nostri giovani nella loro formazione". Dunque la conoscenza diventa conoscienza e sono subito risate. Il suo post di questa mattina infatti conteneva un errore di quelli da rigone rosso e insufficienza immediata a scuola.

 

Pochi minuti per ricevere i primi commenti di presa in giro e poi la correzione da Conoscienza a Conoscenza ma ci sono gli screenshot che parlano per lui e le paure di molti che si materializzano con il primo post da assessore all'Istruzione: sarà all'altezza? Come si confronterà con docenti universitari, figure di primo piano della cultura internazionale, professori e maestri di scuola.

 

 

E poi quelle delega alla ''promozione della pace'' cosa significa? E' appropriata per un giovane che pochi mesi fa si presentava sotto la sede del Pd con una scatola di uova per attaccarli. Quello per il segretario provinciale era un modo per stemperare i toni. Speriamo che questo non sia il modus operandi per promuovere la pace. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato