Contenuto sponsorizzato

Medico trentino denuncia paziente perché clandestino? Salvini: ''Solidarietà''. L'Apss: ''Fatto mai successo''

Oggi la notizia è stata riportata dal Corriere del Trentino e in poche ore ha raggiunto la stampa nazionale con il ministro dell'Interno che ha subito voluto difendere il fantomatico dottore ''anti immigrato'' ma le fonti ufficiali spiegano: ''Aveva dato in escandescenza e sono state chiamate le forze dell'ordine''

Di Luca Pianesi - 03 ottobre 2018 - 19:49

TRENTO. "Solidarietà al medico di Trento che ha segnalato un marocchino irregolare". Non ha resistito il ministro dell'Interno Matteo Salvini a dire la sua su quanto riportato oggi dal Corriere del Trentino e cioè che a luglio "un medico di un'ospedale trentino" avrebbe segnalato ai carabinieri un uomo che si era rivolta al nosocomio, perché era un immigrato clandestino. Ma i fatti sembrerebbero andati in maniera differente. Abbiamo provato a chiedere informazioni all'Azienda provinciale servizi sanitari che ha spiegato che non c'è stata nessun caso di denuncia da parte di un medico provocata dal fatto che avrebbe trovato un ipotetico malato con i documenti non in regola.

 

''L'uomo si era rivolto effettivamente al pronto soccorso ma aveva perso il controllo - spiega l'Apss - e stava dando in escandescenza mettendo in pericolo l'incolumità del personale e delle persone presenti. Sono state, quindi, chiamate le forze dell'ordine, come accade in molte situazioni, e solo a quel punto, dopo una richiesta di controllo documenti, quei documenti non sono risultati in regola''. Insomma, il fatto che fosse immigrato irregolare è emerso successivamente e non aveva nulla a che vedere con la chiamata delle forze dell'ordine. Questa volta, quindi, il caso parrebbe essere una vera e propria tempesta in un bicchiere d'acqua mentre il Paese già si interroga se il medico abbia fatto bene o male a denunciare un immigrato clandestino solo per il fatto che non fosse in regola con i documenti. 

 

Sulla questione sono già usciti in giornata organi di stampa nazionale (come ilGiornale.it) e, come detto, il ministro Salvini che ne ha subito fatto un terreno di battaglia politica dando la solidarietà al "medico di Trento che ha segnalato ai carabinieri un immigrato marocchino irregolare. Abbiamo il dovere - ha scritto sui social - di garantire cure mediche a tutti, ma non possiamo dimenticare l’esigenza di contrastare l’immigrazione clandestina". Il tema è senz'altro importante e va affrontato con cognizione di causa. Il diritto alla salute è sacro (e garantito dall'articolo 32 della Costituzione) e non c'è, ovviamente, distinzione di nessun tipo che in Italia permetta a un medico di non curare qualcuno. Noi non abbiamo le ''fonti'' del Corriere del Trentino che ha riportato la notizia. Quelle ufficiali, però, smentiscono. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 10:12

I Finanzieri hanno posto i sigilli a oltre 230 mila euro sui vari conti bancari dell’associazione e del suo rappresentante legale, un sessantaseienne trentino, nonché la villa e annesso garage, di proprietà di quest’ultimo, per una quota del valore di circa 310 mila euro

25 aprile - 06:01

C’è un punto a mio giudizio su cui va costruito e tenuto saldo il discorso antifascista: la scelta. E non deve stupire l'uso strumentale di Matteo Salvini ed il conseguente disconoscimento del valore della celebrazione dell’anniversario della Liberazione

 

25 aprile - 09:04

L'uomo aveva lasciato la figlia di 10 anni in auto mentre lui si era allontanato per fare volantinaggio. Dopo essere tornato si è accorto che il mezzo e la figlia erano spariti ed ha subito chiesto aiuto alle forze dell'ordine facendo scattare un’imponente caccia all’uomo. Ma poi si è accorto di essersi sbagliato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato