Contenuto sponsorizzato

Punti nascita, CasaPound attacca Fugatti: ''Chiara dipendenza alle direttive nazionali''

Nel mirino di CasaPound i proclami della Lega. Castaldini: "Dopo una campagna elettorale in Val di Fiemme e, dopo essersi esposto con la riapertura del punto nascite di Cavalese, forse il presidente si dimentica delle dichiarazioni fatte dai suoi assessori poco più di un mese fa"

Pubblicato il - 10 marzo 2019 - 18:45

TRENTO. "Le ultime dichiarazioni del presidente sui punti nascita ci lasciano perplessi e rammaricati", questo il commento di Filippo Castaldini, responsabile provinciale di CasaPound, che attacca Maurizio Fugatti: "Le parole lasciano intendere una chiara dipendenza alle direttive nazionali e in questo modo privano i trentini della libertà decisionale su un tema molto delicato e importante per il territorio".

 

Nel mirino di CasaPound i proclami della Lega. "Dopo una campagna elettorale in Val di Fiemme e, dopo essersi esposto con la riapertura del punto nascite di Cavalese - aggiunge - forse il presidente si dimentica delle dichiarazioni fatte dai suoi assessori poco più di un mese fa: Segnana esponeva l'intenzione di riaprire i punti nascita di Tione, Arco e Borgo (Qui articolo)".

 

Un concetto ribadito dall'assessora anche nel corso degli stati generali della montagna: "E' importante - spiega Segnana - mantenere quanto più possibile i servizi per la popolazione nelle zone periferiche e nei centri urbani. I percorsi di assistenza sanitaria hanno infatti valore equivalente in ogni parte del territorio provinciale. Per far fronte al fenomeno del calo delle nascite si guarda a rafforzare dove necessario l'accompagnamento della donna in fase prenatale e nel dopo nascita: fin dal momento in cui ogni donna pone pensiero a far nascer un figlio si senta sostenuta e accompagnata in tutto il percorso". 

 

Una richiesta, quella della riapertura del punto nascita di Arco, ribadita anche dalla Comunità Alto Garda e Ledro a fine mese scorso. Ma si registra un apparente stallo. Non è arrivata la specifica richiesta, ma il presidente ha spiegato che devono cambiare i criteri a Roma per avere la possibilità di riaprire.

 

"La riapertura dei punti nascita rimarrà una battaglia che continueremo a sostenere – conclude Castaldini – una battaglia combattuta da sindaci e cittadini, da tutti coloro i quali amano e conoscono le peculiarità del nostro Trentino. La speranza rimane che la giunta si dimostri sempre all’altezza delle esigenze del territorio". 

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 marzo - 20:12

Venerdì una serata aperta alla cittadinanza dedicata a ''Genere, educazione, pluralità'' e, nel pomeriggio, appuntamento con la Cgil in piazza Dante. Il 30 marzo tutti a Verona per il corteo di Non una di meno

21 marzo - 18:37
Le indagini partono poco più di due mesi fa, quando gli agenti pizzicano un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena e condotto da un dipendente di Tione mentre compie una violazione alla segnaletica stradale. Gli accertamenti però mettono in luce un quadro pesante per l'uomo tra truffa, peculato e falsa attestazione di servizio
21 marzo - 20:01

I due giovani si trovavano in un tratto di pista molto ripida.  Il Soccorso alpino gli ha fatto calzare le racchette da neve e sono stati accompagnati, con l'ausilio di una corda, a valle fino alla motoslitta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato