Contenuto sponsorizzato

Tenno e la guerra dei pedalò: il sindaco Marocchi vorrebbe sfrattarli ma così il gestore perderebbe il lavoro

L’ecosistema del lago di Tenno è costantemente messo a dura prova dal grande numero di turisti che, soprattutto l’estate, ne affollano le spiagge. Da un po’ di tempo l’amministrazione sta cercando di trovare delle soluzioni a questo problema ma sul banco degli imputati sono finiti anche i pedalò

Di Tiziano Grottolo - 22 agosto 2019 - 16:14

TENNO. La vicenda è complessa e negli ultimi mesi ci sono stati vari “round” di questa battaglia combattuta con provvedimenti, ricorsi e controricorsi , che vede affrontarsi da un lato Adrian Scruba che gestisce l’affitto di pedalò, canoe e tavole-sup dall’altro il sindaco Giuliano Marocchi che vorrebbe vietarne la navigazione nel lago di Tenno.

 

L’amministrazione comunale vorrebbe limitare l’uso di questo tipo di natanti adducendo motivazioni paesaggistiche e relative alla tutela ambientale in modo da preservare il piccolo gioiello dalle acque turchesi.

 

D’altra parte in un recente articolo abbiamo potuto constatare i risultati “Dell’Assalto”, ad opera dei turisti, al piccolo bacino lacustre con la montagna di immondizia abbandonata sulle spiagge. Situazione questa che desta apprensione per l’ecosistema ma che però, a ben vedere, ha poco a che fare con i pedalò.

 

Scruba, ovviamente si oppone a questa decisione e per ora si è visto riconoscere dagli uffici provinciali competenti il diritto a continuare le sue attività almeno fino alla fine del 2020, anno nel quale scadrà la concessione.

 

Dopo i mesi “Passati a leggere e subire le iniziative propagandistiche del Sindaco di Tenno” il proprietario della Invest, società che gestisce il servizio, ha deciso di rompere il silenzio e dire la sua, accusando Marocchi di aver intrapreso una crociata personale.

Tra le accuse che più fanno arrabbiare Scruba c’è il pericolo di “Riminizzazione” del lago evocato dal sindaco: “Se vi è un pericolo di ‘riminizzazione’ del lago di Tenno, non è certo causato dal servizio di noleggio di 4 pedalò, 4 canoe e 4 tavole svolto dalla Invest – scrive il gestore – quanto piuttosto dall’accesso massiccio e per nulla regolamentato di centinaia e centinaia di persone, con indiscriminata occupazione a parcheggio di ogni spazio e strada limitrofi”, prese letteralmente d’assalto in questi giorni.

 

Il proprietario del servizio di noleggio punta il dito anche contro i turisti che trasformano la spiaggia in una sorta di accampamento, evidenziando anche come si faccia largo uso di un gran numero di natanti privati di svariate tipologie e colori da parte dei bagnanti, turisti o locali.

“Se l’intenzione del sindaco Marocchi fosse davvero orientata alla tutela dell’ambiente del lago di Tenno per preservarlo e riportarlo alla sua naturale integrità – così com’era più di trent’anni fa – allora dovrebbe coerentemente attivarsi per farne un vero e proprio biotopo, con eliminazione di qualsiasi recente intervento di modifica dell’ambiente circostante e la conseguente interdizione non solo della piccola attività di noleggio natanti attuale, ma di qualsiasi attività umana sul lago, compresa la navigazione e la stessa balneazione da parte di qualsiasi privato cittadino, residente o turista”, fa notare Scruba.

 

È facile capire come questa soluzione non sia percorribile, insostenibile soprattutto dal punto di vista economico dal momento che tutte le attività turistiche, e di conseguenza le casse comunali, si vedrebbero ridurre notevolmente gli incassi.

 

Infine Scruba si sente comunque di tendere la mano al sindaco Marocchi cercando un accordo che possa riconciliare le parti: “Sarebbe il caso aprire un confronto serio e reale, diretto e non sui media, con tutti i soggetti coinvolti – conclude il gestore del noleggio – promuovendo e non ostacolando l’equilibrato esercizio di tutte le attività agricole e commerciali che sin ad oggi sono state svolte in modo responsabile da tutti gli operatori anche economici”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:55

Diverse le valanghe, due in particolare di grandi dimensioni, che sono piombate sulla carreggiata lungo la strada statale 42, diversi i veicoli sfiorati, mentre due vetture sono state centrata dallo scivolamento della neve dalla rampa dell'arteria

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato