Contenuto sponsorizzato

''Trentino vergogna nazionale'', blitz di Centopercentoanimalisti a Verona

Dopo l'azione a Bologna, il movimento questa volta intervengono a Verona. Nel frattempo l'Upt chiede di interessare la Commissione dei dodici per ottenere la competenza primaria nella gestione grandi carnivori, ma i rapporti con il ministero sembrano freddi e l'orso è scappato dal Casteller da poco più di 24 ore

Di L.A. - 16 luglio 2019 - 13:46

VERONA. Dopo quello a Bologna di inizio mese (Qui articolo), un altro blitz di Centopercentoanimalisti, questa volta a Verona. Nella città scaligera sono, infatti, comparsi diversi manifesti "M49 non si tocca",  ''Il Trentino va boicottato, iniziando dalle sue aziende migliori" e "Trentino vergogna nazionale". L'associazione rispetta il copione e rilancia la propria iniziativa dopo la fuga di M49. Nel mirino questa volta la Locauto in zona Porta Nuova. 

 

"Evidentemente in Trentino il libro di Pinocchio non deve mai essere arrivato - spiega l'associazione in una nota - dicono che il povero orso M49, non solo è stato catturato, ma è pure riuscito a scappare dal centro faunistico dei cacciatori di Casteller senza collare. Secondo noi invece, è stato catturato e ucciso, senza collare non sarà facile rintracciarlo, così saranno tutti contenti, nessun orso ammazzato, libero e disperso nel bosco, nessuna protesta, nessuna immagine rovinata, speriamo di sbagliarci ovviamente. Siamo complottisti? Può essere, tuttavia, in una Nazione dove le menzogne sono all’ordine del giorno, una presa per i fondelli come quella di M49 scappato da un vero e proprio campo di concentramento per gli Animali con tanto di fili elettrici, è un gioco da ragazzi farla passare. Il destino di M49 era già segnato da tempo, conosciamo bene la strategia, la falsità e l’indole di questi bifolchi ripuliti che pensano solo al turismo, alle speculazioni e alle loro piste da sci".

 

Orso che però nel frattempo è stato immortalato da una fototrappola in zona Marzola e il personale forestale è attivo tra monitoraggio, informazione e presidio territoriale (Qui articolo).

 

Nella vicenda interviene anche l'Upt che chiede una risposta alla politica. "E' necessario - commenta il direttivo della forza politica - che si lavori per la approvazione di una Norma di attuazione dello Statuto allo scopo di affidare alle due Province la piena responsabilità della gestione dei grandi carnivori presenti sul nostro territorio".

 

Forse non un gran momento per chiedere maggiori competenze, M49 è scappato da poco più di 24 ore dal Casteller e i rapporti con il ministro non sembrano tra i migliori. Forse non è proprio il momento più adatto, ma l'Upt chiede di interessare anche la Commissione dei dodici. "Solamente così - conclude la forza politica - sarà possibile superare la condizione di continua emergenza e di scontro istituzionale per condividere invece regole certe di composizione responsabile degli interessi diversi: quelli naturalistici e quelli legati alla permanenza delle persone e delle aziende zootecniche nella nostra montagna. Ciò in coerenza con la nostra indiscutibile natura di territorio custode attento dei valori del proprio ambiente naturale. L’Unione per il Trentino si farà promotrice in questo senso di una specifica iniziativa in consiglio provinciale, orientata a dare un mandato chiaro al presidente Fugatti in vista dell’avvio dei lavori della Commissione dei dodici".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.03 del 10 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 17:45

Le fermentazioni regolari, hanno dato origine a vini puliti, con intensi profumi fruttati, strutturati, con ottime acidità fisse e bassi tenori di acidità volatile. Si evidenziano punte di eccellenza nei vini rossi medio-tardivi (Teroldego). La cimice asiatica ha colonizzato tutti gli areali della provincia ma sulle viti non si segnalano particolari danni (usate per l'ovodeposizione)

10 dicembre - 20:01

Sui segretari comunali è scontro Lega-Pd: se da un lato Fugatti parla di una norma “che permetterà alle amministrazioni locali di lavorare”, i Dem accusano: “Ancora una volta si dimostra il più totale disprezzo verso le Istituzioni trentine”

10 dicembre - 16:44

Ponti, viadotti e cavalcavia in Trentino sono costantemente monitorati. La PAT si è dotata già dal 2002 di un sistema informatizzato denominato BMS "Bridge Management System"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato