Contenuto sponsorizzato

Fugatti e la “barzelletta del lupo”, Gottardi costretto a smentire in Aula il Governatore: ''Parlava così per le polemiche di quel periodo''

Gottardi risponde a nome di Fugatti smentendo le dichiarazioni (GUARDA IL VIDEO) dell’attuale presidente della Pat: “Le posizioni espresse dall'allora consigliere risentivano delle polemiche di quel periodo”. Soddisfatto Rossi: “Ripristinata la piena fiducia di tutti nelle istituzioni”  

Di Tiziano Grottolo - 05 febbraio 2020 - 19:46

TRENTO. Alla fine una risposta è arrivata ma a quanto pare Maurizio Fugatti ha preferito affidarla all’assessore agli enti locali e rapporti con il Consiglio provinciale, Mattia Gottardi. La richiesta era stata avanzata tramite un’interrogazione dal capogruppo del Patt Ugo Rossi, che chiedeva all’attuale presidente della Pat di rendere conto a proposito di certe sue dichiarazioni a proposito dell’insediamento del lupo in trentino, rilasciate quando ancora era un consigliere di opposizione.

 

Precisamente il 7 novembre 2017 nel corso di un suo intervento in aula, Fugatti definiva una “barzelletta” e “storiella” quanto riportato nel sito istituzionale grandicarnivori.provincia.tn.it, alla sezione “storia del lupo in Italia sull’arco alpino” (QUI articolo). Laddove si spiegava come il lupo sia arrivato in Trentino spontaneamente.

 

 

 

 

Ricorda Rossi: “L’allora consigliere leghista diceva testualmente che tale 'barzelletta' e 'favola' sarebbe stata raccontata dalla provincia e dai suoi dirigenti e funzionari agli allevatori in giro per il territorio”. Per questo il consigliere autonomista chiedeva a Fugatti se fosse ancora dello stesso avviso e se ritenesse che quanto riportato nel sito sia privo di ogni valenza scientifica e tecnica. “Oppure – incalzava Rossi – se il presidente della Pat non pensi di dover rettificare o precisare le dichiarazioni da lui fatte in veste di consigliere anche per tutelare l’immagine dell’istituzione che rappresenta”.

 

Finalmente una risposta è arrivata, come già detto non per bocca del diretto interessato ma comunque con carattere ufficiale, visto che a riferire in aula è stato un assessore dell’attuale giunta. Gottardi ha confermato piena fiducia nell'operato nella struttura provinciale competente, “le posizioni espresse dall'allora consigliere risentivano delle polemiche di quel periodo” ha fatto notare. Dal canto suo Rossi si è dichiarato particolarmente soddisfatto per aver ripristinato con la sua interrogazione la piena fiducia di tutti nelle istituzioni.  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 gennaio - 19:19
Tutti i dati comune per comune riferiti alla pandemia. Oggi si registrano 1.675 nuovi contagi a fronte di 2.202 guariti quindi calano le persone [...]
Cronaca
23 gennaio - 18:37
Secondo il titolare di una ditta trentina che opera nel settore dei trasporti scolastici molti autisti non sono in regola con il Green pass: “Si [...]
Cronaca
23 gennaio - 16:36
Il bollettino dell'Azienda sanitaria mostra un deciso peggioramento delle classi in isolamento a scuola che si traduce in migliaia di studenti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato