Contenuto sponsorizzato

I sindacati: “L’addio a Bordon è l’ennesimo pasticcio della Giunta, basta usare la sanità per fini elettorali”

A preoccupare i sindacati sono state anche le velate accuse dell’assessora Segnana rivolte al direttore dell’Apss reo, a quanto pare, di non essere in linea con la Giunta: “Va premiata la competenza non la fedeltà politica, non vorremmo che la scelta del successore di Bordon avvenisse sulla base di affinità politiche più che sulle capacità tecniche e professionali”

Di Tiziano Grottolo - 29 giugno 2020 - 17:05

TRENTO. “Preoccupanti, inaccettabili e fuori luogo”. Così i vertici di Cgil, Cisl e Uil censurano le parole con le quali l’assessora provinciale alla salute Stefania Segnana ha provato a spiegare le ragioni del mancato rinnovo dell’incarico all’ormai ex direttore generale dell’Apss Paolo Bordon.

 

“Non è possibile minimizzare – incalzano i segretari di Cgil, Cisl e Uil, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti – la decisione assunta dalla Giunta di non rinnovare l’incarico al dottor Bordon, nel bel mezzo della più grave crisi sanitaria dal Dopoguerra ad oggi”. A preoccupare i sindacati è la possibilità che l’Apss resti senza una guida in vista dell’autunno quando potrebbe verificarsi un ritorno dei contagi. “Quel che è certo –accusano Cgil, Cisl e Uil – è che l’addio anticipato a Bordon è l’ennesimo pasticcio della Giunta Fugatti in materia di sanità”.

 

I sindacati puntano il dito contro le velate accuse dell’assessora Segnana rivolte al direttore dell’Apss reo, a quanto pare, di non essere in linea con la Giunta: “Va premiata la competenza non la fedeltà politica, non vorremmo che la scelta del successore di Bordon avvenisse sulla base di affinità politiche più che sulle capacità tecniche e professionali. Le dichiarazioni di Segnana – proseguono Grosselli, Bezzi e Alotti – sono davvero fuori luogo perché sembrano voler mettere in cattiva luce un professionista del calibro di Bordon che tra poche settimane sarà chiamato a dirigere un’azienda con oltre un milione di potenziali utenti”.

 

I segretari della Triplice rilanciano la necessità che si apra immediatamente un confronto sui due fronti più urgenti: il piano sanitario anti Covid-19 per l’autunno e le strategie per il miglioramento della salute della popolazione in Trentino sul lungo periodo.

 

Ad un mese e mezzo dall’appello lanciato dai nove ordini delle professioni sanitarie e assistenziali, si riunirà finalmente il Consiglio dei Sanitari: “Sarà l’occasione, per avviare il confronto sul piano sanitario anti-Covid per l’autunno che ancora manca. Su questo fronte siamo in grave ritardo e serve il coinvolgimento di tutti gli attori a partire dalle parti sociali. Poi serve che la Giunta smetta di usare la sanità solo a fini elettorali e cominci davvero a definire una strategia sostenibile per il rafforzamento della sanità territoriale fondata su prevenzione e prossimità dei servizi”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato