Contenuto sponsorizzato

Il presidente della Lega tocca il fondo e attacca Maschio citando il padre e l'ex moglie. La replica: ''Dovrebbe sciacquarsi la bocca''

Alessandro Savoi, dopo gli insulti, i gestacci, le considerazioni fuori posto sui social e in Aula, ha fatto l'ennesimo post contro il consigliere comunale di Onda Civica questa volta mettendo in mezzo la sua famiglia. Lui: ''Lei, vede caro consigliere, ha citato il mio esempio di vita e la madre delle mie figlie e solo per questo dovrebbe sciacquarsi la bocca. Non vado oltre perché credo non capirebbe''

Di Luca Pianesi - 06 marzo 2020 - 20:19

TRENTO. ''Ma tale Andrea Maschio è il figlio dell ex presidente dell Interporto? Cioè colui che grazie a suo papà ha avuto probabilmente gli unici lavori della sua Vita? E la moglie di Andrea Maschio, pardon ex moglie, è colei che grazie a suo papà è stata assunta all'interporto ? Se trattasi di altra persona chiaramente chiedo perdono..#sonancoraaipreliminari''. Dopo i gestacci, le parolacce, gli insulti sessisti e quelli omofobi, messi per iscritto o gridati in aula rivolti contro consiglieri dell'opposizione e giornalisti, per sprofondare nell'abisso mancava solo un testo di tale tenore.

 

Ma il presidente della Lega del Trentino Alessandro Savoi ci ha abituati al peggio da quando è al governo della provincia e anzi anticipa che, probabilmente (anche se difficile da immaginare), può fare ancora si più per abbassare il livello della politica locale visto che nell'hashtag alla fine del post inserisce un minaccioso quanto inquietante #sono ancora ai preliminari. L'attacco, questa volta, è per il consigliere comunale di Onda Civica Andrea Maschio che ha postato un video per chiedere che qualcuno in consiglio provinciale faccia qualcosa perché chi siede nelle istituzioni si dimostri degno di rappresentarle. Un concetto limpido, che dovrebbe essere condiviso da ogni forza politica e ancor più da chi si ritrova al governo.

 

Eppure pare un concetto complicatissimo da capire per il presidente del partito di maggioranza in consiglio provinciale che persevera con il suo atteggiamento e il suo comportamento purtroppo molto spesso oltre i limiti. In questo senso (visto che in passato siamo stati insultati anche noi dal numero uno della Lega) non possiamo che esprimere solidarietà al consigliere comunale Maschio il quale a sua volta ha replicato così

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 24 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 gennaio - 05:01
Una donna, della val di Fiemme, racconta in un audio dello stratagemma messo in pratica per ottenere il Green pass: “Mi sono messa nel naso il [...]
Cronaca
24 gennaio - 20:11
L'incontro si è svolto oggi, dopo che nelle scorse settimane la tematica è stata affrontata in diverse occasioni: l'Amministrazione ha confermato [...]
Cronaca
24 gennaio - 21:01
Fra pochi giorni un giudice dovrà stabilire se accogliere o meno il ricorso, presentato dai famigliari di Matteo Tenni, contro l’archiviazione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato