Contenuto sponsorizzato

Supermarket ancora chiusi la domenica. L'assurda motivazione di Fugatti è che ''i trentini si sono disabituati''. Aperti nelle località turistiche (ma cosa si intende?)

Il presidente della Pat continua a ripetere incredibilmente che i cittadini si sarebbero abituati a fare la spesa dal lunedì al sabato (forse perché non c'è alternativa al momento?) ed esclude, di fatto, le città dall'essere luoghi turistici (si è gettata la spugna con Trento e Rovereto?). Intanto i mezzi pubblici tornano a un 50% di utenti a bordo e da lunedì scatteranno i controlli a terra per i titoli di viaggio

Di Luca Pianesi - 19 giugno 2020 - 18:09

TRENTO. Tornano i controlli per quanto riguarda i titoli di viaggio dei passeggeri sui mezzi pubblici mentre aumenta la portata di autobus e corriere che da lunedì arriverà ad essere di circa il 50% rispetto al normale. La nuova ordinanza firmata dal presidente Fugatti allarga ulteriormente le maglie per quanto riguarda le regole per contrastare il diffondersi del coronavirus e permette ai cittadini di tornare a frequentare locali che sino a ieri erano rimasti chiusi (come anche le sale slot, bingo e i centri scommesse) e si dà anche il via libera alle cerimonie quali quelle dei matrimoni ''rispettando - ha detto il presidente della Pat - un protocollo ad hoc che garantisca lo svolgimento di queste attività in sicurezza''.

 

Il tutto mentre si prolunga la chiusura dei supermercati per altre due domeniche (il 21 e il 28 giugno) con la solita assurda motivazione che il presidente Fugatti ama ripetere al riguardo: ''I trentini in questi mesi si sono disabituati ad andare a fare la spesa alla domenica. La fanno dal lunedì al sabato e la domenica la dedicano alle famiglie, vanno in montagna, al lago, a messa. L'intenzione della Giunta è quella di mantenere queste chiusure e per questo ci confronteremo con le parti sociali''. Insomma in un momento dove si chiede di far lavorare più gente possibile per più tempo possibile, dove si chiede di far girare le risorse, di aiutare il sistema a ripartire, il presidente Fugatti pensa a togliere quella che a conti fatti era la giornata economicamente più importante per i supermercati (oltre ad essere un servizio per tutte le altre categorie di lavoratori che dal lunedì al sabato sono impegnati dalla mattina alla sera).

 

Ma per il presidente ''i trentini si sono disabituati'' e quindi lunga vita ai supermercati veneti e lombardi per chi si trova vicino al confine mentre ''restano aperti anche la domenica i market la cui superficie di vendita sia inferiore a 150 metri quadrati''. ''Consentire l'apertura domenicale dei 'negozi di prossimità' - ha spiegato Fugatti - è legata da un lato al fatto che la ripresa anche sotto il profilo turistico è avviata, dall'altro soprattutto perché in locali di dimensioni contenute, con gli opportuni accorgimenti, non si rischiano grandi affollamenti di persone''. Insomma nei luoghi turistici i supermercati resteranno aperti ma nonTrento e Rovereto nonostante un tempo (e in realtà anche ora, parrebbe, dalle campagne promozionali) si diceva che fossero città turistiche. Ma nel provinciale disegno del presidente leghista, evidentemente, la città non fa turismo e ormai i cittadini ''si sono disabituati a fare la spesa la domenica'' e quindi niente da fare. Si resta aperti solo nei luoghi dove ci sono i cittadini del resto del mondo che, evidentemente, ancora non si sono disabituati.  

 

Intanto aumenta la portata dei mezzi pubblici. ''Nelle scorse settimane oggi autobus urbano poteva trasportare circa 26 persone rispetto a carichi di 90 persone - ha spiegato il dirigente della Pat Andreatta -. Con l'ordinanza di oggi ci si allinea alle disposizioni statali e si porta al 50% del normale la capienza quindi si arriverà tra i 40 e i 50 posti. Le corriere oggi avevano un limite di 25 persone. Ora quei posti diventano 38. Da lunedì tutte le flotte urbane, extraurbane e ferroviarie incrementano i posti fino a circa il 50% del normale. Inoltre in queste settimane c'è stata tolleranza per quanto riguarda i titoli di viaggio perché non c'era la possibilità di fare i biglietti a bordo con l'autista. Ma da lunedì ci saranno controlli in uscita dai mezzi, quindi lo diciamo agli utenti''. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

24 settembre - 15:44

Il piccolo era a casa da venerdì e nel frattempo è arrivato l'esito positivo del tampone, così l'istituto ha attivato scrupolosamente le procedure per fronteggiare questo caso. L'attenzione sul comparto della scuola resta alta, così come in altri settori quali la filiera dell'agroalimentare e della lavorazione di prodotti di consumo

24 settembre - 14:48

Durante l'ennesima lite in piena notte un vicino di casa ha lanciato l'allarme e ad intervenire sono stati immediatamente i carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato