Contenuto sponsorizzato

“Basta attacchi agli Schützen altrimenti scorrerà il sangue italiano”, minacce ad Alessandro Urzì con una lettera anonima dall’Austria

La lettera inviata dall’Austria contiene minacce esplicite ed è stata recapitata al consigliere di Fratelli d’Italia Alessandro Urzì: “Un messaggio delirante, una intimidazione grave inviata alla mia persona ma attraverso di essa all’intera società civile della nostra provincia ed in particolare agli Italiani che qui vivono”

Di T.G. - 22 March 2021 - 11:32

BOLZANO. “Gli italiani devono morire? Basta attacchi agli Schützen altrimenti il sangue italiano scorrerà sulle strade dell’Alto Adige”. Questo il testo di una lettera minatoria recapitata al consigliere provinciale e regionale Alessandro Urzì. A renderlo noto lo stesso consigliere di Fratelli d’Italia che commenta: Un messaggio delirante, una intimidazione grave inviata alla mia persona ma attraverso di essa all’intera società civile della nostra provincia ed in particolare agli Italiani che qui vivono”.

 

Secondo quanto ricostruito la lettera sarebbe arrivata dall’Austria via posta. “Respingo con forza ogni tentativo di farci tacere – aggiunge Urzì – reagiremo con la civiltà di sempre, perché la stragrande maggioranza dei nostri concittadini e degli amici austriaci è composta da persone per bene che respingono le provocazioni e le cattiverie ma soprattutto la violenza, verbale e certamente fisica”.

 

Per questo l’invito di Fratelli d’Italia è quello di isolare i violenti: “Non commetteremo l’errore a cui vorrebbero indurci di scambiare i deficienti per l’espressione della maggioranza del popolo, per questo ci attendiamo una risposta corale da parte delle istituzioni e delle forze civili di questa nostra provincia per isolare chi si rifugia dietro l’anonimato per lanciare minacce gravissime di morte”. Nel frattempo la lettera è stata consegnata alla polizia che aprirà un’indagine.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato