Contenuto sponsorizzato

Diffamò la sindaca Raggi attraverso un video su un giornale. Vittorio Sgarbi condannato a pagare 1000 euro

Il tribunale monocratico della capitale ha condannato Vittorio Sgarbi al pagamento di 1000 euro e ad una provvisionale di 10mila per aver diffamato la sindaca di Roma Virginia Raggi. La prima cittadina: "Il clima di barbarie e volgarità che personaggi come lui stanno creando è inaccettabile. Non mi spaventano i criminali, figuriamoci i bulletti da salotto"

Di Davide Leveghi - 26 gennaio 2021 - 16:00

TRENTO. “Oggi Sgarbi è stato condannato per diffamazione aggravata nei miei confronti. Il clima di barbarie e volgarità che personaggi come lui stanno creano è inaccettabile. L'insulto non è confronto. Comunque non mi spaventano i criminali, figuriamoci i bulletti da salotto”. Commenta così, la sindaca di Roma Virginia Raggi, la condanna appena comminata al presidente del Mart Vittorio Sgarbi.

 

La sentenza arriva a poco più di 4 anni di distanza dall'episodio, quando in un video pubblicato sul sito di un quotidiano nazionale il critico d'arte aveva preso di mira la sindaca pentastellata, utilizzando epiteti che – dice la sentenza – offendono “l'onore e la reputazione”. Virginia Raggi, d'altronde, è stata spesso al centro delle critiche di Sgarbi, che non ha mai risparmiato parole dure nei suoi confronti.

 

In questo caso, però, gli insulti non si sono fermati alla sfera della comunicazione e hanno avuto delle conseguenze legali. Il parlamentare e presidente del Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto è stato così condannato dal tribunale monocratico della capitale al pagamento di una multa di 1000 euro e a una provvisionale di 10mila con l'accusa di diffamazione aggravata a mezzo stampa, in un processo svolto con rito abbreviato.

 

L'obiettivo delle dure parole di Sgarbi, ritenute in giudizio come diffamatorie, sarebbe stata la capacità politica della prima cittadina romana, presente in aula e autrice al margine della sentenza di nette dichiarazioni nei confronti del critico e del clima che questi contribuisce a creare con le sua affermazioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 15:03

Il sindaco di Pergine-Valsuagana contro chi non rispetta le regole anti-Covid: “Domenica ho ricevuto decine di chiamate, messaggi e video di cittadini per segnalare assembramenti di persone, molte senza mascherina, che dimostrano solo la mancanza di responsabilità nei confronti innanzitutto dei propri familiari anziani”

08 marzo - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 marzo - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato