Contenuto sponsorizzato

Italia Viva esce dal Governo, le ministre Bellanova e Bonetti si dimettono. Renzi: ''I problemi esistono da mesi''

Matteo Renzi interviene in conferenza stampa: “La crisi non è stata aperta da Italia Viva, ma esiste da mesi, serve rispetto per le regole democratiche: abbiamo chiesto di risolvere problemi nelle sedi istituzionali, non un reality show”

Di GF - 13 gennaio 2021 - 18:45

TRENTO. Matteo Renzi ritira le sue ministre, Bellanova e Bonetti, oltre al sottosegretario Scalfarotto, dal governo. Lo ha annunciato in apertura della conferenza stampa di Italia Viva che si è tenuta questa pomeriggio. 

 

Nelle ultime ore si è lavorato molto su più fronti per riuscire a ricomporre le fratture che si sono create all'interno della maggioranza. Questo, però, almeno per il momento, non ha portato alcun risultato.

 

Renzi nel corso della conferenza ha rivendicato di aver fatto nascere il governo Conte 2 “contro Matteo Salvini che chiedeva pieni poteri” e quindi, spiega il fondatore di Italia Viva “Non consentiremo a nessuno di avere pieni poteri” riferendosi all'attuale presidente del Consiglio.

 

Renzi parla di senso di responsabilità e di rispetto delle regole democratiche. Un rispetto che non deve mancare in tempi di emergenza.  “Stiamo discutendo da settimane e mesi – spiega - i pericoli pandemici e l'esigenza del vaccino. Davanti a questa crisi il senso di responsabilità consiste nel cercare di risolvere i problemi non di nasconderli”.

 

Per Matteo Renzi “La crisi non è stata aperta da Italia Viva, ma esiste da mesi, serve rispetto per le regole democratiche: abbiamo chiesto di risolvere problemi nelle sedi istituzionali, non un reality show”.

 

Sono tre le questioni che Italia Viva ha posto al presidente Conte. La prima è di “metodo”. “L’abitudine -continua Renzi - di governare con i decreti legge che si trasformano in altri decreti legge, l’utilizzo dei messaggi a reti unificate, la spettacolarizzazione della liberazione dei nostri connazionali, rappresentano per noi un vulnus alle regole del gioco. Chiediamo di rispettare le regole democratiche”. La seconda questione è di “merito” sulla necessità di far ripartire il Paese e la terza è riferita al Recovery Plan.

 

Il fondatore di Italia Viva è tornato a chiedere l'utilizzo del Mes. “Comunque - ha concluso - voteremo a favore dello scostamento di bilancio e il decreto ristori. Siamo pronti a dare una mano, a parlare di tutto con tutti senza ideologia. Non siamo irresponsabili. Se c’è una crisi la si affronta non su Facebook ma nei tavoli politici”.

    Contenuto sponsorizzato
    Telegiornale
    Ultima edizione
    Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
    Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
    Contenuto sponsorizzato

    Dalla home

    25 gennaio - 13:34

    Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

    25 gennaio - 11:33

    La situazione nei balcani continua a peggiorare. Migliaia di migranti si trovano senza rifugio, costretti a vivere all'aperto nonostante le temperature rigide. A questo si aggiungono le violazioni dei diritti umani, gli abusi, la violenza da parte delle polizie locali e della popolazione. Ipsia organizza una raccolta fondi a supporto dei migranti

    24 gennaio - 13:23

    Nemmeno di fronte ai carabinieri il 51enne ha voluto desistere: nel volantino che stava distribuendo l’invito a disobbedire alle regole anti-Covid. In via precauzionale i militari hanno sequestrato un coltello a serramanico e un fucile che l’uomo deteneva regolarmente in casa

    Contenuto sponsorizzato
    Contenuto sponsorizzato
    Contenuto sponsorizzato