Contenuto sponsorizzato

Le Terme di Garniga ferme da 10 anni, il sindaco: ''Ancora aggrappati alle promesse ma nessuna comunicazione ufficiale. Almeno tra un anno riavremo Malga Albi''

Il sindaco di Garniga, Valerio Linardi: "Serio rischio di perdere 'Terme' nel nome del Comune: si mette in discussione l'identità e la tradizione di una peculiarità unica in Italia". E sulle caserme austroungariche: "Dispiace vederle in quello stato"

Pubblicato il - 21 January 2022 - 21:43

GARNIGA TERME. "La riapertura è prevista per l'autunno del 2017", questo il messaggio che appare sul sito delle Terme di Garniga ma da allora non si è concretizzato nulla o quasi e lo stabilimento è chiuso ormai da tempo. Anzi è in fase avanzata di demolizione. Un'altra situazione che emerge ciclicamente è quella relativa alle caserme austroungariche dopo che la Fondazione Mach ha lasciato gli edifici. Utilizzate per gestione emergenziali (accoglienza dei richiedenti asilo oppure delle quarantene e degli isolamenti dei casi Covid), versano nel dimenticatoio e alcune sono in via di deperimento con i tetti sfondati dal peso della neve nel 2009. E poi c'è da avviare la ricostruzione di Malga Albi, struttura distrutta da un terribile incendio.  

"A oggi non sembrano esserci ipotesi sulla riapertura e sul rilancio dello stabilimento. E da molti anni si discute della rigenerazione e del rilancio di due importanti poli a vocazione turistica, le Terme di Garniga le ex Caserme austroungariche delle Viote", dice Alessio Manica (Partito democratico) in un'interrogazione per chiedere alla Provincia quale siano le intenzioni per rilanciare questi poli.

 

Il turismo a Garniga Terme soffre terribilmente e c'è il concreto rischio di perdere pure la possibilità di portare nel nome la definizione di centro termale. Una situazione complessa sul versante del Bondone che guarda verso Aldeno e la Vallagarina. A questo si aggiunge la carenza di personale: "Non c'è nemmeno il segretario comunale e questo rischia di bloccare tutta l'operatività - dice il sindaco Valerio Linardi - anche gli acquisiti più semplici vengono rallentati e l'amministrazione ha un portafoglio da 7,8 milioni di opere senza poter contare sulle strutture". 

 

Ma sono diverse le grida d'allarme a Garniga. "La partita dello stabilimento è ferma - aggiunge il primo cittadino - siamo ancora alle promesse: gli uffici provinciali avrebbero dovuto farsi carico dell'iter di riqualificazione, ma sembra che siano sorti dei gravi problemi strutturali che hanno bloccato tutto".

 

Chiuso da dieci anni, l'investimento stimato per rilanciare il compendio termale è di oltre 3 milioni di euro per un profondo restyling delle terme, del ristorante e dell'hotel. "Sembra che siano emerse alcune criticità che porterebbero il costo a più del doppio e la Provincia non sarebbe disponibile a stanziare altre risorse. Certo - evidenzia Linardi - magari si sarebbe potuto portare avanti delle analisi più approfondite e rivedere il piano prima di avviare la demolizione: ora c'è praticamente uno scheletro dell'edificio, l'ennesima cattedrale nel deserto. A oggi, comunque, non ci sono arrivate comunicazioni ufficiali e quindi diventa difficile anche muoversi per trovare altre strade e altre soluzioni, come una conduzione più familiare o un tre stelle, per rilanciare un comparto considerato strategico per il nostro territorio".

Garniga, furioso incendio a Malga Albi

 

Un'ipotesi potrebbe essere di cambiare la destinazione d'uso e puntare sul co-housing. "Ma questa soluzione ci convince veramente poco e non ci sarebbe nessun beneficio per il territorio. Anzi - spiega il sindaco di Garniga Terme - il Comune perderebbe un volano turistico, un tratto distintivo e una tradizione della località che si basa su una peculiarità unica in Italia come i bagni d'erba. Un progetto di edilizia abitativa aumenterebbe di qualche unità il numero dei residenti ma concretamente non ci sarebbe alcun valore aggiunto".

 

Una perdita d'identità "ma anche il rischio di perdere la dizione 'Terme' nel nome. La situazione è davvero paradossale - commenta Linardi - perché non si conosce la visione del piano che si vuole portare avanti e non c'è un coinvolgimento dell'amministrazione per approfondire qualche possibilità per portare a termine la riqualificazione dello stabilimento".

 

Un altro tema è quello delle Caserme austroungariche, che ricadono sul territorio comunale di Garniga Terme. "Ci sono alcune criticità per quelle dalla copertura sfondata dalla neve ma le altre strutture non sono fatiscenti perché si è intervenuti a fine 2007 e sono state utilizzate dal Centro di ecologia alpina della Fem fino all'anno successivo. Poi si è parlato tanto: si è passati dal mega albergo da 30 milioni alla sede del Centro fondo, dalla colonia estiva alla messa a bando per valorizzare gli edifici. Ma anche qui è trascorso un decennio e le caserme sono un rifugium paccatorium: l'extrema ratio è l'utilizzo in emergenza. E' un peccato lasciarle andare in questo modo, un patrimonio inestimabile e qualche ipotesi più concreta è doverosa".

 

Più avanzate le progettualità per dare nuova vita a Malga Albi, apprezzatissima negli anni scorsi e distrutta da un incendio nel 2018. "Il Comune ha delegato a Trentino sviluppo l'iter. A breve arriva il piano di risanamento mentre già a primavera dovrebbe esserci il progetto esecutivo e l'appalto dei lavori". Una deadline? "La prossima estate la struttura dovrebbe essere operativa per un investimento da quasi 2 milioni", conclude Linardi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 maggio - 20:31
All'alba era partito con ramponi e piccozza, oltre agli sci agganciati allo zaino, per raggiungere la vetta con l'amico Andrea Bonn. Era molto [...]
Cronaca
22 maggio - 19:16
Il compagno alla guida della moto è uscito praticamente illeso dall'incidente, mentre nonostante il tempestivo intervento dei soccorritori la [...]
Cronaca
22 maggio - 16:45
In alcuni casi oltre alla pioggia è arrivata anche la grandine che nella zona di Folgaria e Lavarone ha raggiunto le dimensioni di una pallina da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato