Contenuto sponsorizzato

Con il Dolomiti, un nuovo servizio: ecco il Tg in 60 secondi

Da ieri è partito il nuovo mini telegiornale con le principali notizie della giornata riassunte in 60 secondi. Una delle tante novità dell'ultimo periodo che ci ha visti traslocare in una sede più grande in via Manci. Intanto ecco il momentaneo podio per il concorso della Nuvola del Benessere (c'è tempo fino al 3 dicembre)

Di Luca Pianesi - 13 November 2017 - 18:21

TRENTO. Pronti via: si parte con una nuova avventura. Il primo settembre il Dolomiti ha compiuto un anno, stracciando ogni record di visualizzazioni di pagina e di follower su Facebook. E mentre la crescita continua costante (e di questo non possiamo che ringraziarvi) da rilanciamo con un nuovo servizio. Il Tg de il Dolomiti partito ufficialmente ieri. Sessanta secondi di audio, foto, video e parole scritte. Un mini notiziario con le notizie più importanti della giornata. Piccole pillole, che poi possono essere approfondite sul sito leggendo gli articoli della giornata.

 

 

 

 

Un modo pratico e veloce (che verrà lanciato alle 19.30 e poi alle 6 del mattino) per essere sempre aggiornati su quanto succede in provincia, senza impiccio, senza impegno e gratuitamente (come tutto il resto del sito d'altronde) usando semplicemente il proprio smartphone, il proprio tablet o il proprio pc. Il notiziario scorre autonomamente su Facebook e lo si trova in bella vista sul sito. Una sorta di Tgcom24, un prodotto unico che ancora nessuno ha provato a realizzare sul web e che siamo orgogliosi di poter lanciare con una "voce" d'eccezione: quella di Nereo Pederzolli, storico giornalista e mezzobusto del TgR della Rai.

 

E mentre continua con successo il contest fotografico per vincere una notte nella "Nuvola del Benessere" (vi aggiorniamo: al momento il podio è composto da Federica Paternoster con 294 like, Luisa Valentini con 146 e Silvia Ermecini con 132), diventa sempre più importante anche la collaborazione con Flavio Rosati, il fumettista che ha realizzato Leda La Strega. Insomma tutto viaggia a gonfie vele e siamo contenti di poter annunciare anche il cambio di sede (concluso ormai da qualche settimana ma prima di fare i proclami, pensiamo sia sempre meglio farle le cose).

 

Siamo passati da una stanza senza riscaldamento (lo scorso inverno ce lo siamo fatto con una stufetta elettrica e grossi maglioni) in vicolo della Seconda Androna a una ben più dignitosa (con tanto di riscaldamento) in via Manci 67. La cosa più importante, per tutti noi (che non siamo più solo in quattro a lavorare a tempo pieno ma siamo riusciti ad aggiungere una quinta persona, almeno part-time) era rimanere in centro per poter raggiungere ogni punto nevralgico della città in pochi attimi perché lo "stare sulla notizia" resta una delle priorità per la nostra testata.

 

C'è tanto da migliorare e ci sono enormi margini per fare meglio e crescere ancora. Lo stesso Tg nei prossimi giorni verrà "aggiustato", come anche la home del sito de il Dolomiti cambierà leggermente volto e diventerà più responsive su smartphone. Ma questo è anche il bello de il Dolomiti: c'è energia, c'è voglia di fare, di cambiare e di non restare fermi. Continuate a seguirci e aiutateci a crescere. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 March - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 March - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 March - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato