Contenuto sponsorizzato

Olimpiadi delle Dolomiti 2026, dossier depositato, ora tutto in mano al Coni. Milano avanti, Cortina e Torino inseguono

La scelta del Coni è fissata per il 10 luglio, ma la decisione potrebbe slittare in assenza di accordo. Si temono ingerenze politiche. Investimenti tra le Dolomiti quantificati in 380 milioni di euro, il 70% delle strutture già presenti nelle diverse sedi di gara: Cortina, Val di Fiemme, Pinè, Bolzano, Merano e Anterselva

Di Luca Andreazza - 06 luglio 2018 - 13:21

TRENTO. Il primo traguardo è stato raggiunto: Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, nei giorni scorsi ha depositato in Coni il dossier per le Olimpiadi delle Dolomiti 2026. Prima di tutti, prima di Milano e Torino.

 

Ora sono iniziate le schermaglie, soprattutto politiche, per aggiudicarsi il ticket finale e provare a sfidare l'altra candidatura forte, quella svedese.

 

Filtra ottimismo a Cortina per riportare dopo 70 anni i giochi invernali tra le Dolomiti, una suggestiva ricorrenza della prima kermesse a cinque cerchi organizzata sul suolo italiano. E mentre il presidente Veneto propone la cerimonia inaugurale all'Arena di Verona e spiega che le Olimpiadi devono tornare in montagna, ma quello che appare è Milano in pole position. Staccata Torino.

 

Centro contro periferia, due città metropolitane da una parte contro il Patrimonio Unesco dall'altra. La deadline è fissata per il 10 luglio, data e decisione che potrebbero slittare se non si trova un accordo di mutuo appoggio tra vincitore e sconfitti. Ma intanto arrivano i primi appoggi a livello territoriale, come quello di tutte le Confinustria.

 

"La scelta di individuare non un'area metropolitana bensì un territorio montano - spiegano - storicamente votato al turismo e agli sport invernali, è un messaggio politico forte di attenzione verso le 'Terre Alte', che vanno riportate al centro delle politiche di sviluppo dell'Italia e dell'Europa. Importante, poi, la scelta strategica di puntare sulla sostenibilità economica, ambientale e sociale per dimostrare come sia concretamente possibile conciliare standard organizzativi elevati con la delicata unicità di un territorio appartenente alla lista dei patrimoni dell’umanità dell’Unesco".

 
"L’assegnazione dei Giochi Olimpici a Cortina sarebbe volano non solo per le Dolomiti, ma per l'intera area alpina - aggiungono le Confinsutria - sia nel turismo che nel manifatturiero, comparto che ancora riveste un ruolo fondamentale per la crescita economica e sociale di questi territori - in coerenza con le politiche europee di sviluppo e recupero economico e sociale del territorio montano". 

 

Un filo conduttore tra tutte le proposte pervenute in Coni è quello della sostenibilità ambientale e economica: l'investimento tra le Dolomiti si dovrebbe aggirare intorno ai 380 milioni di euro in infrastrutture, riqualificazione e adeguamento, nessuna nuova struttura ad hoc e solo qualche intervento temporaneo.

 

Si parte dal 70%, cioè gli impianti già esistenti, il resto necessita di un ammodernamento. Altrimenti qualche nuova struttura secondo criteri di sostenibilità e futuro riutilizzo. Il villaggio olimpico e il centro stampa sarebbero realizzati con strutture temporanee.   

 

Investimenti di circa 1/5 di quanto speso per Torino 2006spese operative finanziate da ricavi privati tra contributi Cio, sponsorizzazione, merchandising e ticketing.

 

Cifre contenute, ma qualche dubbio resta: se si legge lo studio di Innsbruck (candidatura poi cassata dal referendum popolare), realtà simile a quella di Trento, Bolzano e Belluno per impianti e morfologia, si parla di un investimento di almeno 1 miliardo e 300 mila euro. Anche se questo non cancella una grande opportunità dal punto di vista sportivo, ma anche di marketing, visibilità, posizionamento sui mercati e immagine. 

 

Un altro nodo potrebbe essere quello del villaggio olimpico, che diventerebbe diffuso: il regolamento Cio prevede alloggi nelle vicinanze dei diversi campi gara sparsi tra Veneto, Trentino e Alto Adige.

 

Il dossier delle Dolomiti mette sul piatto il comprensorio sciistico più grande, 1.400 chilometri piste e tutte le strutture già quasi pronte. Un piano che punta a consolidare il posizionamento della macro-area come hub europeo degli sport invernali.

 

Le Olimpiadi sarebbero un modo per rafforzare l'immagine delle Dolomiti nel mondo e per promuovere una sempre più marcata integrazione tra diversi prodotti turistici dell'area e consentire alla macro-regione di posizionarsi stabilmente come territorio leader per presenze turistiche europee.

 

Un piano che punta così a irrobustire l'unione dei territori dolomitici anche in termini di migliori connessioni di trasporto tra le diverse vallate olimpiche: oltre al baricentro Cortina, le altre location, come anticipato, sono la Val di Fiemme e Pinè in Trentino, Bolzano, Anterselva e Merano per l'Alto Adige (Qui articolo). 

 

Un'Olimpiade che deve prevedere interventi sul piano della mobilità, il raggio degli spostamenti sono ridotti e limitati, ma qualche intervento si rende necessario. 

 

Non possono essere Giochi di successo senza una ricaduta duratura sul territorio, il concetto di legacy: nel momento della costituzione del comitato organizzatore cominceranno le interlocuzioni con le Federazioni nazionali e internazionali di ulteriori grandi eventi per far crescere nuove generazioni di atleti. 

 

Il dossier prevede inoltre interventi in grado creare importanti ricadute sui servizi per i cittadini che saranno attivati in via sperimentale durante i Giochi per poi essere confermati successivamente: mobilità sostenibile per connettere i territori attualmente non facilmente raggiungibili, copertura del territorio con banda ultra-larga, attivazione e potenziamento di servizi in remoto a supporto della popolazione, rafforzamento del patrimonio pubblico sportivo, servizi innovativi per i turisti.

 

Il dossier c'è, gli sci passano a Giovanni Malagò, chiamato a fare sintesi e mettere tutti d'accordo, probabilmente politica compresa.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 febbraio - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato