Contenuto sponsorizzato

Cesare Battisti, sui social si attaccano piazze e strade dedicate all'irredentista e la vicenda si trasforma in farsa

Dopo che il ministro dell'interno ha accolto l'ex terrorista vestito da poliziotto con il ministro della giustizia che diffondendo i video dell'arrestato c'è chi propone di cambiare il nome di una via e dedicarla a Novello Novelli mitica spalla dei film di Nuti, Pieraccioni e Ceccarini

Di Luca Pianesi - 16 gennaio 2019 - 19:41

TRENTO. C'è Cesare Battisti eroe italiano irredentista nato a Trento nel 1875; c'è Cesare Battisti traditore austriaco nato a Trento nel 1875; c'è Cesare Battisti ex terrorista catturato negli scorsi giorni in Bolivia, nato a Cistena di Latina nel 1954. Stesso nome, giudizi della storia diversi o addirittura persone che nulla c'entrano l'uno con gli altri.

 

Certo, però, in queste ore la confusione è tanta e sui social scattano curiosi parallelismi, pericolosi scambi di persona e così in qualche piazza dedicata al ''nostro'' Cesare Battisti, quello trentino, che è morto impiccato nel Castello del Buonconsiglio, appaiono scritte riferite a quello arrestato pochi giorni fa (a Foggia questa notte è apparsa ''Amnistia per'' sopra alla scritta Cesare Battisti) mentre su Facebook si scatena l'attacco più demenziale possibile ad amministrazioni locali perché si sono dedicate vie o strade proprio a Cesare Battisti.

 

E' il caso di Poggibonsi dove addirittura c'è chi ha proposto una petizione per cambiare il nome alla via per dedicarla, invece, a Novello Novelli mitico attore della zona, spalla in tanti film di Pieraccioni, Ceccarini e Nuti (QUI LA NOTIZIA). Ed effettivamente la vicenda legata a Cesare Battisti, quello arrestato in Bolivia, sta sempre più assumendo i contorni grotteschi della farsa, propri della commedia all'italiana. C'è un ministro della giustizia che mostra le immagini di un carcerato con manette ai polsi, viene stigmatizzato dal garante dei detenuti che chiede di ''rimuovere il video'' aggiungendo che ''frasi e immagini che puntano ad acquisire consenso attraverso un linguaggio estraneo a quello del Costituente, finiscono per consolidare una cultura di disgregazione sociale''. 

 

 

C'è il ministro dell'Interno che accoglie, con sorriso soddisfatto, assieme al ministro della giustizia, il criminale all'aeroporto vestito da poliziotto e scrive che vuole che ''marcisca in galera'', trasformandolo in una sorta di grande rivoluzionario mentre la caratura dell'uomo non va oltre quella dello spietato criminale, dell'assassino e del ladro. Insomma, un vero e proprio delinquente trasformatosi poi in terrorista, da non confondere in alcun modo con il nostro Cesare Battisti impiccato a Trento per alto tradimento in quanto membro della Camera dei deputati d'Austria. 

 

A proposito, fu un'esecuzione esemplare, fortemente mediatica per l'epoca, con tanto di esibizione pubblica del prigioniero prima e di diffusione di immagini e foto del ''traditore'' circondato dai suoi aguzzini sorridenti, dopo.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 11:50

Sono stati analizzati 2.388 tamponi per 494 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 20,7%. Altri 3 morti, il bilancio sale a 228 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 523 decessi da inizio epidemia

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 11:15

Anche Trento si è svegliata tappezzata dai manifesti delle "Mascherine tricolori". L'obiettivo, questa volta, è Amazon. Tra inviti a sostenere i commercianti locali e a boicottare il colosso dell'e-commerce, in messaggi intrisi di nazionalismo e cospirazionismo, dietro c'è sempre l'estrema destra

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato