Contenuto sponsorizzato

Dal 6 giugno riapre il Centro Sociale Bruno: “Dovevamo essere sfrattati ma siamo ancora qui”

Spazi esterni rinnovati e nuovi murales, nelle ultime settimane, attiviste e attivisti del Centro Sociale Bruno hanno lavorato sodo per riallestire il cortile esterno ricavando spazio sufficiente per spostare all'aria aperta tutte le iniziative, garantendo il distanziamento tra le persone: “Saremo aperti tutti i giorni”

Di Tiziano Grottolo - 03 giugno 2020 - 16:27

TRENTO. Dal 6 giugno, dopo il lockdown, riapre i battenti anche il Centro sociale Bruno. Dopo quasi tre mesi di stop forzato i cancelli dello spazio sociale torneranno ad aprirsi al pubblico: “Una scelta ponderata a lungo – spiegano gli attivisti – perché la preoccupazione più grande è garantire la salute a chiunque attraverserà lo spazio”. Proprio per questo, nelle ultime settimane, i militanti hanno lavorato sodo per riallestire il cortile esterno e avere così spazio sufficiente a spostare all'aria aperta le iniziative, garantendo al contempo il distanziamento tra le persone.

 

La data scelta per la riapertura non è casuale, sabato 6 giugno infatti, cade a circa un anno di distanza dalla lettera tramite la quale la Pat notificò di fatto lo sfratto al Centro Sociale di Piedicastello: “Ci era stato intimato di lasciare lo stabile dopo la rescissione unilaterale del contratto di comodato d'uso da parte dell'amministrazione provinciale – si legge nella nota – ma alla campagna ‘Bruno Non Si Caccia’ scaturita dalla partecipatissima assemblea di aprile 2019 affianchiamo ora la nuova campagna ‘vado al Bruno’ che vuole essere un invito a tutta la cittadinanza ad attraversare questi spazi e a riavvicinare l'intera comunità cittadina dopo l'esperienza della pandemia che ci ha allontanati”.

 

Una decisione, quella della Pat, che aveva suscitato forti reazioni ma che per il momento è rimasta lettera morta, nonostante alcuni consiglieri si siano prodigati nel tentativo di far sloggiare gli occupanti. È il caso del leghista Devid Moranduzzo che ancora il 6 ottobre 2018 “scommetteva” sul fatto che gli attivisti avrebbero dovuto sgombrare l’edificio a breve. Al momento però sono ancora lì. Nel marzo 2019 lo stesso consigliere depositava un’interrogazione dove sottolineava: “Alla lettera di sfratto, i responsabili del Centro Sociale Bruno hanno risposto con una nota dal tono sprezzante, affermando di non aver intenzione di abbandonare l’immobile, per lo meno non a capo chino e in silenzio”. Per queste ragioni Moranduzzo chiedeva alla Pat se intendesse procedere con lo sgombero, anche quest’interrogazione è andata a vuoto visto che non ha ancora ottenuto risposta.

 

 

Ad ogni modo il prossimo 6 giugno gli attivisti saranno ancora al loro posto: da subito saranno di nuovo attivi lo sportello di orientamento legale per la sanatoria 2020 e la scuola d'italiano LiberaLaParola. Riaprono anche la ciclofficina popolare Ciclostile e l'aula studio per fornire spazi aggiuntivi alle biblioteche a capienza ridotta.

 

Ogni sabato alle ore 15 si terrà un'assemblea di gestione degli spazi, aperta a chiunque voglia proporre nuove iniziative. Il calendario culturale sarà poi arricchito da presentazioni di libri, proiezioni cinematografiche e da escursioni in città e nelle immediate periferie. “Il Centro Sociale rimarrà aperto tutti i giorni – concludono gli attivisti – per ritornare a essere un punto di riferimento per la città, e un luogo di socialità, solidarietà, cultura, analisi e autorganizzazione. Se l'emergenza sanitaria sta rientrando, infatti, la crisi sociale ed economica sta appena iniziando”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 15:43

Dopo la presa di posizione del Patt provinciale la coalizione che sostiene Malfer perde pezzi: “La storia personale e sensibilità politica di una buona parte delle persone del gruppo non acconsente al tentativo di trovare un accordo programmatico con tutto il Centrodestra”. La firmataria dell’apparentamento Bazzanella: “A volte le scelte non sono semplici”

26 settembre - 12:03

Lo schianto è stato violentissimo, è successo a Cogolo del Cengio. L'amico che si trovava in auto assieme è stato trasportato in gravissime condizioni in ospedale 

26 settembre - 12:15

Santi-Malfer c’è l’apparentamento. La furia del Pd: “Si sarebbe potuta trovare la sintesi a quanto pare però, il problema non era politico ma di poltrone. È evidente che le ambizioni personali e il rancore sono stati anteposti ai programmi politici, ma così non si fa il bene della comunità”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato