Contenuto sponsorizzato

Non solo mele, grazie alla scommessa 'nostalgica' della famiglia Pizzini i cereali sono tornati in Val di Non: ''Di giorno si coltiva e la notte facciamo il pane''

Ha da poco vinto il premio Campagna Amica degli Oscar Green di Coldiretti. Tiziano Pezzini, titolare di Dal Gran al Pan: “Siamo partiti dal grano e poi abbiamo trovato un mulino, di quelli vecchi, l’abbiamo messo a nuovo e abbiamo iniziato a macinare. La farina la usavamo noi in casa ma poi era troppa anche quella e abbiamo deciso di venderla nelle fiere e nei mercatini”

Foto Bruno Battocletti
Di Claudia Schergna - 11 agosto 2020 - 17:49

SARNONICO. L’azienda Dal Gran al Pan nasce nel 2010 da una scommessa tra i fratelli Pezzini. Entrambi si ricordavano come, quando erano bambini, la Val di Non non fosse affatto famosa per le mele ma fosse piena di campi di grano. Si sono sfidati a farlo crescere di nuovo, dopo più di 40 anni che non si vedevano colture di cerali in valle e così, pronti-via, hanno cominciato da un appezzamento di 1000 metri quadri. Seminavano, irrigavano, mietevano la sera dopo il lavoro e Tiziano Pezzini, ancora molto giovane, aiutando il papà e lo zio, ha iniziato ad appassionarsi al lavoro.

 

Seguendo le orme paterne Tiziano aveva studiato falegnameria in Val di Sole e lavorava in una bottega. Il mestiere del contadino però gli piaceva ed era ben contento di andare a lavorare nei campi anche dopo la fine del turno o durante le ferie. L’azienda ha gradualmente iniziato ad espandersi e l’idea di dedicarsi ai campi a tempo pieno iniziava a sfiorare la mente del giovane. Intanto la produzione cresceva sempre di più: “Ci siamo accorti che avevamo il grano ma non sapevamo che cosa farne - racconta Tiziano -. Così abbiamo trovato un mulino, di quelli vecchi, l’abbiamo messo a nuovo e abbiamo iniziato a macinare. La farina la usavamo noi in casa ma poi era troppa anche quella e abbiamo deciso di venderla nelle fiere e nei mercatini”. Hanno poi aperto un forno, panificio e pasticceria, con una produzione di pane e dolci tradizionale e tipica della zona, seguendo ricette tramandante di generazione in generazione.

 

Poi nel 2014 Tiziano ha deciso di fare il salto: ha lasciato il suo lavoro, il suo posto fisso per dedicarsi all’agricoltura a tempo pieno ed è diventato titolare dell’azienda: “Ho deciso di prendermi questo rischio perché il lavoro stava diventando troppo, non riuscivamo più, e poi perché fare il contadino mi è sempre piaciuto. Così sono diventato titolare, mia sorella ha fatto un corso di panetteria, mia madre la aiutava in negozio, mio padre mi aiuta nei campi e faceva le fiere, ognuno ha assunto un ruolo nella nostra piccola azienda”.

 

La vita del contadino richiede però molti sacrifici: “A seconda delle stagioni gli orari cambiano ma diciamo che su 24 ore arrivo a lavorarne anche 20, soprattutto nel periodo di trebbiatura. Dalle 10 di mattina alle 7 di sera di solito sto nei campi, poi vado a casa, mangio qualcosa e dormo un po’ perché verso le 2 di notte bisogna andare a fare il pane. Deve essere pronto entro le 6”. I Pezzini oggi coltivano grano tenero, farro, segale, orzo, mais da polenta, grano saraceno e da quest’anno anche grano duro. “Dai 1000 metri di appezzamento iniziali, siamo arrivati a 12 ettari. Abbiamo acquistato l’attrezzatura un po’ alla volta. Abbiamo comprato la prima mietitrebbiatrice del Trentino”.

 

Dal Gran al Pan è una realtà che concilia la tradizione del pane e dei dolci, con l’innovazione dell’agricoltura moderna: “E' un’azienda innovativa, a filiera corta, viene fatto tutto in casa - spiega Tiziano -. Tante aziende fanno il grano ma non il pane oppure altre fanno il pane ma la farina la fanno macinare ad altri. È difficile trovare aziende simili alla nostra dove si fa tutto in casa. Quando siamo partiti la provincia non rilasciava una licenza per la macinazione con mulino da 40 anni. Penso che siamo stati premiati anche perché i nostri prodotti sono tutti biologici, l’azienda agricola stessa è completamente biologica”.

 

Ad oggi si può dire che la Val di Non ha riacquistato le sue colture di cereali, che non si vedevano da più di 40 anni, grazie ad una nostalgica scommessa. “Abbiamo avuto successo anche per questo. I cittadini ricordano quando c’erano gli appezzamenti di grano e quindi vengono volentieri da noi, anche per rinverdiere i vecchi tempi”. I prodotti della famiglia Pezzini possono essere acquistati nel negozio a Sarnonico o nei mercati di Campagna Amica a Riva del Garda, Trento, Rovereto e Predazzo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato