Contenuto sponsorizzato

Si infortuna l'arbitro, sospesa Trento-Crema e la rovesciata di Zecchinato viene cancellata

Calcio serie D. L'arbitro accusa un malore tra primo e secondo tempo e viene trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento. Si ripartirà dal primo minuto sul punteggio di 0-0. Perde il Dro, pareggia il Levico

Di Luca Andreazza - 03 dicembre 2017 - 16:41

TRENTO. Si infortuna l'arbitro, un malore negli spogliatoi tra primo e secondo tempo e Trento-Crema si chiude anzitempo sull'1-1. La data di recupero verrà comunicata nei prossimi giorni e si ripartirà dal primo minuto e quindi sul punteggio di 0-0. Il direttore di gara è stato portato in ospedale per approfondimenti, ma fortunatamente non dovrebbe trattarsi nulla di grave.

 

Il Dro Alto Garda esce sconfitto per 4-1 sul campo della Pergolettese, mentre il Levico Terme strappa un prezioso pareggio per 0-0 contro l'Aurora Pro Patria, seconda forza del campionato. Una prima parte di stagione da incorniciare per i termali che navigano tranquilli a centro gruppo.

 

L'avvio di gara del Trento è promettente e dopo appena due minuti i gialloblu si rendono pericolosi con Zecchinato, ma l'estremo difensore ospite sventa la minaccia. Difesa ospite ancora in apprensione al sesto, ma alla prima occasione il Crema passa in vantaggio: Carella appoggia all'indietro per Calvaruso, ma la grave incertezza del portiere si traduce nel gol avversario.

 

Il Trento prova a reagire immediatamente, ma Zecchinato e Paoli non sono fortunati. I gialloblu alzano ulteriormente il baricentro e sono stabilmente nella metà campo dei lombardi: Zecchinato è sempre il più brillante tra le fila dei padroni di casa, ma gli ospiti riescono a sventare ogni occasione e mantenere il vantaggio.

 

Il Crema invece agisce principalmente in contropiede e riesce a rendersi pericoloso per disattenzioni difensive del Trento, ma il punteggio non cambia. Scocca il minuto numero 36 quando il Trento trova il pari: un'invenzione di Zecchinato, che prima riceve da Boldini e quindi in sforbiciata fredda Marenco per l'1-1.

 

Le squadre si avviano negli spogliatoi per il riposo, ma al rientro non si giocherà. A causa di un piccolo malore dell'arbitro la partita viene sospesa. Il direttore di gara è stato trasportato in ambulanza all'ospedale Santa Chiara di Trento per gli accertamenti del caso, ma secondo le prime informazioni non si tratterebbe nulla di grave.

 

CLASSIFICA: Darfo Boario 37, Aurora Pro Patria 35, Ponte S.P. Isola 32, Rezzato 31, Pergolettese 29, Lecco 27, Ciliverghe 24, Virtus Bergamo 24, LEVICO TERME 23, Crema 22, Bustese 20, Caravaggio 20, Scanzorosciate 18, Lumezzane 17, Ciserano 16, Romanese 11, TRENTO 11, Grumellese 9, DRO ALTO GARDA 9

 

LEVICO TERME-AURORA PRO PATRIA 0-0

 

PERGOLETTESE-DRO ALTO GARDA 4-1

Reti: 18', 45 e 70' Ferrario (P), 40' Poesio, 89' Casolla (D)

 

TRENTO-CREMA 1-1 (rinv.)

8' aut. Calvaruso (T), 36' Zecchinato

 

Bustese-Ponte S.P. Isola 4-0

Lecco-Rezzato 2-1

Ciliverge-Grumellese 2-1

Ciserano-Caravaggio 2-0

Darfo BoarioRomanese 3-2

Scanzorosciate-Virtus Bergamo 1-2

Riposa: Lumezzane

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato