Contenuto sponsorizzato

"Neo-regionalismo", per dare forza a questa prospettiva che unisca Trento e Bolzano dobbiamo ripercorrere la nostra storia

Dal libro di Maurizio Ferrandi relativo alle cronache parlamentari (1918-1943) un punto di osservazione particolare per capire la genesi della questione altoatesina nei suoi rapporti con quella trentina
DAL BLOG
Di Giuseppe Ferrandi - 28 marzo 2017

Vive da sempre in Trentino, si occupa professionalmente di storia, pratica sport di resistenza ed è appassionato (ancora) di politica...

Ho avuto recentemente occasione di presentare un libro interessante e documentato sulla questione altoatesina. Si tratta del volume scritto da Maurizio Ferrandi relativo alle cronache parlamentari della questione altoatesina (1918-1943).

 

Un punto di osservazione particolare quello dei dibattiti parlamentari nell'Italia che da liberale sta scivolando verso la dittatura fascista e dove in Austria, in modo inesorabile, la progressiva crisi del parlamentarismo favorisce l'esito autoritario verso il fascismo e il nazismo. Tante sono le informazioni che si possono ricavare da questo punto di vista

 

La prima, innegabile, è la rilevanza del nazionalismo che riesce a condizionare il dibattito e il suo esito. La questione altoatesina (a partire dalla decisione di fissare il confine al Brennero) è la cartina di tornasole per misurare la subalternità o la scarsa capacità di resistenza delle principali culture politiche al paradigma nazionalista. Unica eccezione è quella socialista, di quel movimento socialista protagonista dell'opposizione alla guerra e avversario del militarismo. 

 

La seconda è apparentemente più domestica e meno generale. Riguarda il legame strettissimo tra la questione altoatesina e quella trentina. Esemplare il dibattito del 21 luglio 1921. Si tratta di un'ora di acceso confronto nell'aula di Montecitorio.

 

Si discute di bilancio, ma è incredibile ritrovare nella stessa Camera dei deputati esponenti di quello che fu il governo austriaco nel 1917, nello specifico l'ex-ministro degli interni Toggenburg, e gli altri rappresentati sudtirolesi quali Karl Tinzl, futuro prefetto dei nazisti a Bolzano tra il '43 e il '45 ed esponente della Svp nel dopoguerra, e il deputato nativo di Luserna Nicolussi Rent.

 

In rappresentanza dei trentini intervengono il laeder dei popolari Alcide De Gasperi, che nel 1917 sedeva nel Parlamento di Vienna, e il socialista Silvio Flor

 

In un'aula ancora segnata dai durissimi interventi di Benito Mussolini e della destra nazionalista italiana i nostri deputati "regionali" si affrontano tornando indietro nel tempo, con accuse, controaccuse, difese d'ufficio. Tra trentini e sudtirolesi le parti, apparentemente, si sono invertite rispetto agli anni dell'Impero.

 

Ripercorre quelle pagine di storia non è semplicemente un esercizio intellettuale. Molte persone, tra Bolzano e Trento, considerano fondamentale assumere una posizione "neo-regionalista". Per poterlo fare in modo incisivo è di una qualche utilità seguire la genesi della questione altoatesina nei suoi rapporti con quella trentina. Ma vorrei tornare prossimamente sul tema. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 gennaio - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato