Contenuto sponsorizzato

Permesso 104, aveva chiesto di rimanere a casa per assistere la madre ma si trovava all'estero a fare gare con il cane

Tre mesi di reclusione, pena sospesa, per un'ex insegnante 

Pubblicato il - 06 aprile 2018 - 08:53

RIVA DEL GARDA. Aveva chiesto dei permessi previsti dalla legge 104 per assistere la madre ma si trovava in Portogallo a fare delle gare con il proprio cane. Nei giorni in cui infuriano le polemiche sulla ex dirigente della Centrale Unica, Luisa Zappini, a finire nei guai per motivi simili, è un'insegnante di Riva del Garda.

 

La donna, oggi in pensione,  a conclusione del processo con rito abbreviato è stata condannata con pena sospesa a tre mesi di reclusione.

 

La prima segnalazione fatta alla Guardia di finanza risale al 2015 su fatti che ricadono però nel corso degli anni scolastici 2013-2014. Le indagini avevano rilevato 20 occasioni di assenze sospette durante le quali la donna invece di stare con la madre viaggiava in Italia e all'estero. Alla fine, però, non tutte sono state accolte dal giudice. In alcuni casi, considerati acclarati, la donna aveva anche postato delle foto su Facebook.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato