Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige i contagi tornano a 0. Un solo decesso negli ultimi 12 giorni

Nel quotidiano bollettino sulla situazione Coronavirus in Alto Adige, l'Azienda sanitaria ha comunicato l'assenza di nuovi positivi nelle ultime 24 ore su oltre 780 tamponi effettuati. Il bilancio rimane così fermo a 2587 contagiati da inizio epidemia, mentre per il secondo giorno di seguito non si è registrato alcun decesso

Di Davide Leveghi - 20 May 2020 - 12:09

BOLZANO. Zero contagi e zero morti. L'Alto Adige torna ad avere il dato più positivo sulla situazione Coronavirus, dopo che nella giornata di ieri si erano registrati 5 nuovi contagi, per un rapporto contagi/tamponi dello 0,76%. Su 784 tamponi effettuati infatti nemmeno uno ha segnato la positività, così come per il secondo giorno di seguito non si è registrato nessun decesso (negli ultimi 12 giorni ve n'è stato uno solo, in ospedale, nella giornata di lunedì 18 maggio).

 


 

I dati appaiono dunque estremamente incoraggianti, nonostante i malumori e le preoccupazioni ribadite anche ieri nella conferenza stampa del pomeriggio dal presidente Arno Kompatscher sulle tante segnalazioni di assembramenti ai laghi come nei parchi cittadini. Certo più incoraggianti di quelli trentini (su cui si sta consumando un rimpallo di accuse con Roma sulle modalità di conteggio), anche se nella giornata di ieri si era registrato per la prima volta un tasso di contagio inferiore all'1%, con 10 nuovi casi positivi su 1744 tamponi effettuati, pari allo 0,6%.

 

In attesa del quotidiano aggiornamento anche per la provincia di Trento, sempre ieri si erano registrati 2 nuovi decessi, dopo che per 2 giorni si era avuto uno 0 alla voce più tragica della situazione Coronavirus in Trentino. Due decessi che vanno così a portare il bilancio complessivo a 458, mentre da inizio epidemia i contagiati sono stati 5237.

 

Il bilancio altoatesino, invece, parla di 2587 contagiati e 291 deceduti (174 in ospedale e 117 in case di riposo), numeri decisamente più bassi. I tamponi analizzati dai laboratori provinciali dell'Azienda sanitaria sono stati 56310 su 25601 persone. Le persone guarite sono 2024, includendo 218 operatori sanitari su un totale di 234 infettati, 12 medici di medicina generale e 2 pediatri di libera scelta.

 

Attualmente nei normali reparti dei 7 ospedali altoatesini, nelle cliniche private e nella base logistica dell'esercito appositamente attrezzata a Colle Isarco sono ricoverati 45 pazienti affetti da Covid-19. Altre 23 persone sono assistite come casi sospetti. 3 sono le persone ricoverate nei reparti di terapia intensiva, mentre 2 sono quelli ricoverati in reparti analoghi di cliniche austriache. Sono 900 le persone invece attualmente sottoposte a misure di quarantena obbligatoria o di isolamento domiciliare, mentre 9827 le hanno già concluse.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 11:09

Continuano a essere molti i contagi registrati nelle ultime 24 ore in Alto Adige. Mentre si attende la risposta da Roma sulla scelta di mantenere in vigore le misure da zona gialla nonostante il collocamento in zona rossa, i nuovi positivi sono stati 436, 5 i decessi. A Dobbiaco proseguono le operazioni di screening, mentre nelle Rsa si raggiunge il 40% di vaccinati

16 January - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

16 January - 09:45

Il presidente Arno Kompatscher e l'assessore alla Salute Thomas Widmann hanno espresso nella conferenza stampa di venerdì sera la loro sorpresa per la classificazione in zona rossa della provincia di Bolzano. Secondo i dati a disposizione dell'Azienda sanitaria non ci sarebbero le condizioni per questo tipo di colorazione. Per questo, mentre si cerca il dialogo con Roma, l'Alto Adige proseguirà con le attuali misure da zona gialla. Ecco l'ordinanza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato