Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Alto Adige, dopo le prime titubanze, la vaccinazione nelle Rsa va verso la conclusione. Oltre 4500 tra operatori e ospiti hanno finito il ciclo

La vaccinazione nelle 76 Rsa altoatesine va verso la conclusione. Oltre 4500 le persone che hanno già concluso il ciclo. E le prima titubanze, specie tra gli operatori, appaiono ormai superate. L'assessora Deeg: "Continuiamo in questa direzione"

Pubblicato il - 22 febbraio 2021 - 11:08

BOLZANO. Nella giornata in cui Merano, San Pancrazio, Moso in Passiria e Rifiano vedono l'entrata in vigore delle nuove misure restrittive, tra cui l'obbligo per entrare e uscire dal territorio comunale di presentare un test negativo effettuato almeno 72 ore prima, l'Azienda sanitaria altoatesina comunica la buona notizia della conclusione delle operazioni di vaccinazione nelle residenze per anziani.

 

Nelle ultime 4 settimane sono stati oltre 4300 gli anziani residenti nelle case di riposo altoatesine ad essere stati sottoposti al vaccino. A circa un mese e mezzo dall'inizio delle vaccinazioni contro il Coronavirus, la maggior parte dei residenti e numerosi operatori hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino. “E' questa la direzione che intendiamo proseguire – ha affermato l'assessora competente Waltraud Deeg – la vaccinazione nelle Rsa è prioritaria per poter elevare ulteriormente la protezione. Queste strutture non sono adatte né sotto il profilo del personale, né organizzativamente per svolgere il ruolo di reparti infettivi”.

 

Il vaccino rappresenta un importante strumento di difesa, specie in questa fase dove la maggiore preoccupazione è data dalla variante sudafricana, individuata in 8 Comuni. A ribadire il concetto anche Moritz Schwienbacher, presidente dell'Associazione delle residenze per anziani dell'Alto Adige (ArpA) che afferma “il successo della campagna vaccinale nelle residenza per anziani è fondamentale. Quanti più residenti ed operatori vengono vaccinati, tanto meglio saremo attrezzati per fronteggiare le conseguenze legate alle mutazioni del Coronavirus. Siamo molto soddisfatti che un numero così elevato di persone sia stato vaccinato nelle strutture”.

 

Tutte e 76 le Rsa altoatesine sono state coinvolte nell'azione di vaccinazione. Complessivamente le persone che hanno già concluso il ciclo sono 4500, dei 3700 ospiti delle strutture sono 2600. Alla fine del 2020 gli operatori presenti nelle Rsa erano complessivamente 4779, di cui 1778 hanno già ricevuto la seconda dose.

 

Molti dei residenti e degli operatori che inizialmente erano contrari ad effettuare la vaccinazione, dicono dall'Azienda sanitaria, nel frattempo hanno cambiato idea. Sino ad ora, infatti, in 2348 hanno già ricevuto la prima dose, mentre a metà gennaio erano solamente 1567. Per quanto riguarda gli ospiti, invece, ai 2189 già vaccinati a metà gennaio se ne sono aggiunti ulteriori 267, per un totale di 2456 che hanno già avuto la prima somministrazione.

 

La strategia per combattere la pandemia è la stessa adottata nel resto d'Europa, ha sottolineato l'assessora e vicepresidente della Provincia Deeg. “Da un lato puntiamo a ridurre il numero delle infezioni con misure che limitano i contatti e dall'altro adottiamo misure di protezione come test frequenti e vaccinazione. Il terzo pilastro è quello di prevenire le ripercussioni per realizzare un equilibrio tra le misure di tutela e l'emotività delle persone. Concentreremo quindi il nostro impegno su di un'informazione oggettiva soprattutto in merito alla vaccinazione”.

 

Lavoriamo uniti per raggiungere ed informare tutti coloro che sono ancora indecisi”, ha aggiunto il presidente Schwienbacher.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 dicembre - 09:33
Nel mese di novembre sono stati 24 in tutto i contagi rilevati nelle strutture che fanno riferimento alla Federazione delle Scuole Materne. [...]
Cronaca
06 dicembre - 09:35
Fabio Pedretti stava partecipando nella notte tra sabato e domenica scorsa al trail running 'L'Uno di Monticelli' una gara in notturna di 27 [...]
Economia
06 dicembre - 05:01
La presidente dell'associazione dei pubblici esercizi del Trentino Fabia Roman: “Per quanto riguarda luce e gas abbiamo avuto aumenti anche del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato