Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'apertura delle scuole accende la discussione tra le insegnanti. Alice: ''Con la Dad non sono potuta essere una brava maestra ma da lunedì potrò esserlo''

In una lettera inviata a ilDolomiti la maestra Alice scrive: "In letteratura non vi è un solo articolo a favore della tesi per cui la scuola sia un luogo di contagio"

Pubblicato il - 26 marzo 2021 - 18:38

TRENTO. “A me spetta essere una brava maestra e nelle ultime due settimane non lo sono potuta essere. Lunedì invece finalmente lo sarò”. Sono queste le parole di Alice, una maestra di scuola primaria che ha inviato una lettera a ilDolomiti in merito alla riapertura in Trentino della scuola primaria in zona rosa per la prossima settimana. (QUI L'ARTICOLO)

 

Sulla decisione presa dalla Giunta guidata da Maurizio Fugatti si è sviluppata una forte discussione tra le insegnanti che denunciano il mancato confronto con le categorie e chi, invece, è favorevole alla riapertura.

 

La maestra Alice, nella propria lettera, scrive che “in letteratura non vi è un solo articolo a favore della tesi per cui la scuola sia un luogo di contagio” e spiega poi che nel sua classe ci sono stati vari casi, e nessuna trasmissione all'interno della classe stessa.

 

 

Qui la lettera

 

Sono una giovane maestra di scuola primaria, ho una madre e un suocero con gravi patologie, per cui faccio sacrifici in termini di socialità da oltre un anno e oggi non riuscivo a contenere la gioia quando mi è giunta la notizia che lunedì saremo di nuovo a scuola.

 

Oltre ad essere maestra, sono infatti ricercatrice, e vorrei portare alla vostra conoscenza il fatto che in letteratura non vi sia un solo articolo a favore della tesi per cui la scuola sia un luogo di contagio, mentre ne esistono disparati che dimostrano l'assenza di causalità tra i due eventi (apertura/chiusura delle scuole e andamento del contagio).

 

Inoltre, chi come me porta sempre mascherine ffp2 (acquistate dalla sottoscritta), si igienizza costantemente le mani, disinfetta in maniera maniacale qualsiasi cosa i bimbi tocchino, non ha di che preoccuparsi.

 

Nella mia classe ci sono stati vari casi, e nessuna trasmissione all'interno della classe stessa. Parliamo di 40 bambini e 6 insegnanti che da settembre convivono quotidianamente, non di una situazione idilliaca o facile. Pertanto, da maestra di bambini di sei anni ligi alle regole, sono assolutamente serena e felice di tornare al mio lavoro lunedì, dimenticando l'incubo chiamato Dad.

 

Certo la sera non mi troverò comunque con i miei amici, e il fine settimana sarà inevitabilmente solitario, per il bene di tutti, ma la missione educativa della scuola non sarà andata perduta.

 

Forse infatti nelle classi di chi vi scriveva non ci sono alunni in condizioni difficili, talmente difficili da sfuggire agli schemi delle certificazioni (BES, DSA), alunni che da due settimane non vediamo e non sentiamo. Nelle loro classi e nelle loro case forse la connessione ha funzionato a meraviglia. Beh, nelle nostre così non è stato. I bambini hanno bisogno di tornare a scuola, anzi, la scuola non avrebbe MAI dovuto chiudere. E sinceramente non me ne importa proprio nulla se questo è stato deciso da qualcuno senza interpellarmi, così come è stato deciso di chiudere: non spetta a me prendere queste decisioni, a me spetta essere una brava maestra e nelle ultime due settimane non lo sono potuta essere. Lunedì invece finalmente lo sarò. 

Un cordiale saluto,

Maestra Alice

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 settembre - 13:16
Lo striscione intimidatorio è stato rivendicato dal Veneto Fronte Veneto Fronte Skinheads. La replica della Cgil: “Difendiamo la salute e il [...]
Cronaca
25 settembre - 12:59
L'incidente è avvenuto all'altezza della stazione di Marter (Roncegno Terme). Il corpo dell'animale preso in custodia dal corpo forestale. Notte [...]
Politica
25 settembre - 12:27
I cinque consiglieri del gruppo Verde regionale (fra cui Coppola e Zanella) hanno fatto sapere che restituiranno l’intera somma legata al [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato