Contenuto sponsorizzato

Fugatti: ''Incidenza a 252 e se si abbassa ancora saremo arancioni ma abbiamo chiesto a Draghi la zona gialla''

Il presidente Fugatti ha spiegato che da tre settimane il Trentino ha un Rt da zona gialla anche se non è così perché nelle ultime due settimane è sempre stato (seppur di poco) sopra l'1. In ogni caso Draghi ha annunciato che il Paese resterà per tutto aprile o rosso o arancione. Dalla prossima settimana, intanto, il Trentino dovrebbe tornare arancione come da previsioni

Di L.P. - 30 marzo 2021 - 18:19

TRENTO. ''L'incidenza con questi dati è pari a 252 casi ogni 100.000 abitanti, in netto calo rispetto all'incidenza che avevamo giovedì scorso che era 279. Importante capire se riusciremo a scendere sotto 250 nei prossimi giorni e ci auguriamo di arrivarci già per giovedì quando ci sarà il nuovo report dell'Iss''. Questo il presidente Fugatti nel presentare i dati sull'andamento epidemiologico in Trentino. Parole di ottimismo che, questo è l'auspicio di tutti, sci si augura che questa volta si traducano in realtà visto che già la scorsa settimana il presidente aveva annunciato più volte che il Trentino sarebbe stato in zona arancione già a partire da questa settimana anche se l'incidenza era evidentemente sopra la soglia critica fissata sui 250 casi ogni 100.000 abitanti dall'Iss e i cittadini si sono ritrovati in zona rossa.

 

Come da previsioni, invece, il Trentino dovrebbe farcela a partire dalla prossima settimana, passata la Pasqua. Le misure contenitive, infatti, hanno funzionato nelle scorse due settimane e i dati sono calati ad ogni livello (anche se oggi appaiono stazionari: 196 positivi e 4 decessi). Il presidente Fugatti ha parlato di un Rt da zona gialla ma, purtroppo, non è così perché nelle ultime due settimane il Trentino ha fatto segnare 1.04 e 1.02 quindi da zona arancione ed è noto che per cambiare colore bisogna stare due settimane in un ''livello'' diverso da quello previsto per il colore (il giallo è sotto l'1 e il rosso è sopra l'1,25). In ogni caso ad oggi non è prevista una zona gialla per il prossimo mese, come annunciato anche dal premier Draghi.

 

''Ieri c'è stata una manifestazione di molti commercianti fuori dalla sede della provincia - ha detto Fugatti -. Ho accolto due delegazioni, una dei commercianti in generale e una che fa capo a parrucchiere estetiste e B&b, e ci hanno manifestato i loro problemi. Noi abbiamo detto loro che noi interverremo laddove il decreto ristori non è intervenuto, decreto ristoro ad oggi assolutamente non sufficiente ma lo ha già detto anche Draghi che verrà implementato. La richiesta nostra al governo nazionale è che da dopo Pasqua si possa tornare anche alla zona gialla per quei territori che possono farlo. Abbiamo spiegato che se l'Rt della nostra provincia dovesse dimostrarsi ancora sotto l'1 come è stato nelle ultime 3 settimane e l'incidenza sotto il 250 l'auspicio è che il nostro territorio possa tornare in zona arancione ma che se il Governo dovesse cambiare le regole e reintrodurre la zona gialla, questo percorso valga anche per il nostro territorio''. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 settembre - 13:16
Lo striscione intimidatorio è stato rivendicato dal Veneto Fronte Veneto Fronte Skinheads. La replica della Cgil: “Difendiamo la salute e il [...]
Cronaca
25 settembre - 12:59
L'incidente è avvenuto all'altezza della stazione di Marter (Roncegno Terme). Il corpo dell'animale preso in custodia dal corpo forestale. Notte [...]
Politica
25 settembre - 12:27
I cinque consiglieri del gruppo Verde regionale (fra cui Coppola e Zanella) hanno fatto sapere che restituiranno l’intera somma legata al [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato