Contenuto sponsorizzato

Pieve Tesino, 4 milioni per un nuovo distretto produttivo green

La Provincia di Trento ha deciso infatti di mettere a disposizione 4 milioni di euro per la riqualificazione e la ristrutturazione dell’ex industria tessile sportiva Bailo, con lo scopo di creare un nuovo distretto produttivo green a Pieve Tesino. Il progetto, in particolare, occuperà una superficie superiore ai 3.300 metri quadrati, per un volume totale di ben 46 mila metri cubi

Pubblicato il - 27 gennaio 2020 - 15:03

TRENTO. Oggi quello della green economy rappresenta uno dei temi più importanti per il nostro Paese, e anche per la nostra regione. Che sia estremamente attuale, infatti, lo dimostra anche il recente stanziamento per la riqualificazione di un nuovo distretto produttivo, interamente dedicato per l’appunto alla cosiddetta “economia verde”. Ecco perché oggi scopriremo insieme di cosa si tratta, cosa contraddistingue questo nuovo progetto regionale a Pieve Tesino, e quali sono i motivi che rendono così conveniente per le aziende la green economy.

 

Un nuovo distretto per la Green Economy. La Provincia di Trento ha deciso infatti di mettere a disposizione 4 milioni di euro per la riqualificazione e la ristrutturazione dell’ex industria tessile sportiva Bailo, con lo scopo di creare un nuovo distretto produttivo green a Pieve Tesino. Il progetto, in particolare, occuperà una superficie superiore ai 3.300 metri quadrati, per un volume totale di ben 46 mila metri cubi. Non è ancora chiaro chi avrà tra le mani la gestione del distretto, in quanto la Provincia ha attualmente messo in conto più opzioni, compreso il frazionamento fra più realtà così da garantire una presenza eterogenea di molte imprese.

 

Chi sceglierà infatti di investire e portare la propria idea o azienda all’interno del distretto, infatti, potrà godere di incentivi a fondo perduto che copriranno fino all’80% delle spese, e che riguarderanno diverse voci di costo. Si fa ad esempio riferimento all’acquisto degli impianti e dei macchinari, insieme alla ricerca per lo sviluppo di nuove soluzioni green. Lo scopo del progetto, infatti, è quello di creare un luogo d’eccellenza destinato a ospitare diverse realtà green impegnate nei più disparati settori, dalla bioagricoltura all’agro-alimentare, passando per la cosmesi naturale e l’edilizia sostenibile.

 

Green economy: una strategia che conviene alle aziende. Abbracciare la green economy e l’economia circolare è un passo che conviene a tutti, aziende comprese, ovviamente. Basti pensare, ad esempio, a come queste scelte da un lato aiutino il brand e dall’altro attirino anche anche nuove fasce di clienti attenti alla tutela ambientale, portando quindi un guadagno notevole all’azienda. Per poter però definire la propria impresa veramente green, è necessario intraprendere un percorso ben definito, fatto di tante piccole cose che rimangono però, fortunatamente, alla portata di tutti. Ad esempio la scelta di un nuovo packaging sostenibile dei prodotti, così come il riciclo e la differenziata fatta negli uffici delle imprese.

 

Un altro modo per diventare più sostenibili, inoltre, può anche essere quello di optare per una delle tante offerte di energia elettrica pensate per le aziende e che sfruttano fonti che rispettano l’ambiente, sempre più numerose anche nella nostra regione. Chiaramente una società green dovrebbe puntare anche su altri fattori, come il risparmio energetico nelle proprie strutture e negli impianti, e la riduzione dell’impatto ambientale nella fase di produzione. Altri consigli utili per le imprese che desiderano virare verso la green economy sono questi, prevedono una gestione più virtuosa delle temperature interne negli uffici, in termini di riscaldamento e di raffrescamento, e una maggiore attenzione alla produzione e allo smaltimento dei prodotti di scarto. Non meno importanti sono opportunità come lo smart working e la mobilità sostenibile, insieme all’utilizzo delle lampadine Led.

 

Le opzioni per rendere la propria azienda più green sono parecchie, ma ciò che conta è decidere di impegnarsi in maniera seria per il raggiungimento di questo obiettivo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 14:12

Il Governo si è preso l’impegno di erogare i primi aiuti già a novembre: “Abbiamo previsto una serie di indennizzi per coloro che saranno penalizzati dalle nuove norme”. In arrivo nuovi contributi a fondo perduto, cancellata la seconda rata Imu e confermata la cassa integrazione

24 ottobre - 19:00

Il Café de la Paix, circolo Arci situato nel passaggio Teatro Osele, da sempre si trova a dover convivere con una situazione di degrado. Chiudendo i battenti (anche senza ordinanze anti-movida) abbondantemente prima di mezzanotte, capita spesso di trovare il giorno dopo bottiglie, lattine, o peggio. Il gestore Massimiliano Cadrobbi: "Noi le regole le rispettiamo, ma qualcuno festeggia e noi dobbiamo pulire"

25 ottobre - 14:47

Sono molte le difficoltà nel rapportarsi con questa nuova modalità didattica. I genitori del gruppo “Disprassia EsistiAmo”: "Abbiamo proposto delle lezioni in presenza per piccolissimi gruppi ma nessuno ci ascolta''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato