Contenuto sponsorizzato

VIDEO SERVIZIO. Caro energia e carburanti, solo per la benzina una famiglia spende 320 euro in più all'anno. Il governo utilizza l'accisa mobile per abbassare il prezzo

Il caro energia, la salita dei prezzi delle materie prime e il carburante alle stelle mettono alle corde le aziende per i costi insostenibili. Il governo nazionale ha approvato un decreto per abbassare il prezzo della benzina, che scenderà di 25 centesimi/litro dall’entrata in vigore del provvedimento e fino al 30 aprile

Di Marco Todarello - 19 March 2022 - 20:46

TRENTO. L'inflazione salita del +6,1% su base annua secondo la stima di Confcommercio, un incremento di 320 euro a famiglia, solo per il carburante. Dopo il record toccato al distributore di Cavedine (Qui articolo), la media per un pieno è scesa a 2,21 euro/litro.

 

Il caro energia, la salita dei prezzi delle materie prime e il carburante alle stelle mettono alle corde le aziende per i costi insostenibili (Qui articolo). E' un momento particolarmente delicato per l'economia tra la crisi causata da Covid e quella innescata dalla guerra in Ucraina con l'Occidente ha risposto con sanzioni durissime alla Russia (Qui articolo).

 

A incidere in un contesto già fragile c'è stato il caro carburanti, un aumento del prezzo che è ingiustificato per il ministro Roberto Cingolani: "Una colossale truffa: non esiste motivazione tecnica di questi rialzi. La crescita non è correlata alla realtà dei fatti ma è una spirale speculativa su cui guadagnano in pochi" (Qui l'articolo). E mentre ci sono già stati i primi esposti in Procura, la situazione è rimasta tesa con i benzinai oggetto di insulti e attacchi: "Non è colpa nostra. Guadagniamo 3 centesimi al litro indipendentemente dal costo del carburante", ha spiegato a Il Dolomiti il presidente della Federazione autonoma italiana benzinai - Confesercenti del Trentino, Fabio Corso, che ha riportato delle difficoltà dei titolari dei distributori (Qui articolo).

 

Intanto venerdì 18 marzo il governo ha approvato un decreto per abbassare il prezzo della benzina, che scenderà di 25 centesimi/litro dall’entrata in vigore del provvedimento e fino al 30 aprile. Il taglio ai prezzi è stato finanziato con l'accisa mobile, un meccanismo introdotto nel 2008 per far fronte a una significativa crescita del prezzo del petrolio. L'esecutivo di Roma ha approvato poi nuovi bonus fiscali per fronteggiare l’aumento dei prezzi dell’energia e misure di sostegno alle imprese.

 

I provvedimenti sono attesi anche in Trentino con la Provincia che attende le decisioni del governo centrale prima di intervenire: "Dobbiamo essere molti franchi in questa fase i settori fortemente in difficoltà sono molti, il tema dell’energia riguarda tutti", così il presidente Maurizio Fugatti interviene sul tema del caro bollette e carburanti (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 giugno - 10:53
I vigili del fuoco si sono serviti delle pinze idrauliche per estrarre uno dei conducenti intrappolato fra le lamiere del proprio mezzo, purtroppo [...]
Cronaca
28 giugno - 08:58
Il blitz della guardia di finanza è avvenuto all’alba: 28 arresti per associazione a delinquere finalizzata al contrabbando. Secondo le fiamme [...]
Società
27 giugno - 12:51
Novità in arrivo grazie a due nuovi decreti legislativi che aumentano il periodo di congedo parentale, per promuovere parità di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato