Contenuto sponsorizzato

Tragedia sulla Marmolada, il soccorso alpino chiede rispetto: “Le sentenze sui social e i giudizi da tastiera fanno male alle famiglie”

Troppe polemiche dopo la tragedia della Marmolada, l’appello del soccorso alpino: “Cerchiamo tutti di imparare da questo grande dolore e dalla sofferenza della montagna. In silenzio”

Di Tiziano Grottolo - 06 July 2022 - 17:10

TRENTO. “Rispetto”, è questo che il soccorso alpino del Veneto chiede per i parenti delle vittime della tragedia sulla Marmolada. In queste ore infatti sui social si stanno moltiplicando i commenti sprezzanti di chi ritiene che la tragedia si sarebbe potuta evitare o che gli alpinisti non avrebbero dovuto trovarsi lì. Nel marasma dei social c’è chi addirittura abbozza teorie del complotto. Delle bufale che però grazie alla rete stanno ottenendo qualche seguito.

 

Ci sono feriti, vittime, dispersi – spiegano i soccorritori – ma soprattutto ci sono figli, genitori, parenti, amici. Le sentenze sui social, le sparate dei saggi di turno, i giudizi da tastiera, le critiche gratuite, la vita sbandierata, i dettagli macabri, a loro fanno male, senza motivo e senza alcuna utilità”. Da qui l’appello del soccorso alpino: “Cerchiamo invece tutti di imparare da questo grande dolore e dalla sofferenza della montagna. In silenzio”.

 

In certi casi, va detto, sono stati i parenti delle stesse vittime a sostenere che gli alpinisti avrebbero dovuto essere fermati. Qualcuno ha affermato anche che non si stava facendo abbastanza ma i soccorritori non hanno mai mollato, proseguendo gli sforzi per individuare i corpi dei disperi. Al momento mancherebbero all’appello solo due alpinisti coinvolti nella tragedia.

 

Guido Trevisan, gestore per oltre 20 anni del rifugio Pian dei Fiacconi, prima che la struttura sulla Marmolada venisse distrutta da una valanga, riferendosi alla tragedia della Marmolada ha sottolineato: “Nessuno se lo poteva aspettare ma è ormai da un paio di decenni che scienziati, climatologi, ambientalisti, uno fra tutti Luca Mercalli, annunciano che gli eventi catastrofici saranno sempre più frequenti”.

 

Anche Carlo Budel, il gestore del rifugio Capanna Punta Penia sulla Marmolada, ha chiesto di non strumentalizzare la vicenda. “Un evento del genere – ha dichiarato Budel a Il Dolomiti – era impossibile da prevedere. Ho semplicemente detto che sotto il ghiaccio si sentivano scorrere diversi torrenti, ma da qui a dire che si sapeva che il disastro sarebbe arrivato ne passa. A me sembra ci siano molte persone brave solamente a puntare il dito”.

 

Inoltre, la maggior parte degli esperti individua nei cambiamenti climatici i principali fattori all’origine del crollo verificatosi sulla Marmolada. Come spiegava a Il Dolomiti Giacomo Strapazzon: “C’è stata una combinazione di vari fattori, tra cui un inverno poco nevoso e temperature molto alte che si sono intensificate negli ultimi giorni. In futuro  aggiungeva il direttore dell’Istituto di medicina di emergenza in montagna  a causa dei cambiamenti climatici, la frequenza di questo tipo di eventi sarà sempre maggiore”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
14 August - 17:30
Ammonta a quasi mezzo milione il debito ancora da saldare al soccorso alpino: dal 2020 a oggi l’Ulss 1 Dolomiti ha emesso ben 769 fatture per un [...]
Cronaca
14 August - 16:35
Era caduta nel crepaccio ieri ed oggi i vigili del fuoco sono intervenuti chiedendo il supporto dell'elicottero Drago 59 del reparto volo di Venezia
Montagna
14 August - 14:50
L’orso era stato curato al Casteller a causa di un investimento, a giugno invece era stato reimmesso in natura e ha mantenuto un comportamento [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato