Contenuto sponsorizzato

"Nuove elezioni a Sover?", approda in Parlamento il caso del sindaco che cita il Mein Kampf

Sinistra Italiana ha depositato un'interrogazione per chiedere che tipo di iniziative abbia assunto il Governo e il prefetto di Trento nei confronti di Carlo Battisti. Intanto le minoranze in consiglio comunale hanno fatto quel che potevano chiedendo le dimissioni. Ora si vedrà cosa voterà la maggioranza

In mezzo Macron e a destra Fratoianni
Di Luca Pianesi - 31 ottobre 2017 - 15:36

ROMA. Si chiedono anche nuove elezioni e che tipo di iniziative abbia assunto il Governo e il prefetto di Trento nei confronti del sindaco, fino ad oggi. Non si placa la polemica sul primo cittadino di Sover, anzi, approda addirittura in Parlamento. La vicenda è ormai conosciuta visto che ha avuto una eco internazionale. Ad agosto Carlo Battisti era stato (in)capace di scrivere un editoriale sul giornalino del suo Comune infarcendolo di tantissime frasi tratte dal Mein Kampf di Adolf Hitler. Un copia incolla (inconscio a detta sua) degno del peggior plagio che, semplicemente, in alcuni passaggi si accontentava di sostituire alcune parole (QUI L'ANALISI DEL TESTO) usate dal futuro dittatore nazista alla realtà di Sover alle prese con accorpamenti, gestioni associate e rapporti con le associazioni.

 

Il sindaco Battisti si era poi giustificato dicendo di non saper scrivere in bella copia, di avere utilizzato un 'ghost writer' (è poi emerso che era stato il vicesindaco Daniele Bazzanella), aggiungendo la mitica frase "non facciamone un caso" e comunque assumendosene la responsabilità. Il caso, però, c'è stato tanto che si sono mobilitati in tanti (comunque troppo pochi) dall'Anpi al Pd provinciale, dai cittadini del suo paese alle minoranze in consiglio comunale che hanno chiesto le dimissioni. Ora arriva un atto forte, necessario vista la scarsa presa di posizione dei vertici della nostra amministrazione. Un'interrogazione parlamentare dei deputati di Sinistra Italiana con primi firmatari il capogruppo Giulio Marcon e il segretario Nicola Fratoianni

 

I deputati della sinistra chiedono al Governo quali iniziative intenda assumere e quali atti abbia finora assunto il prefetto di Trento nei confronti del sindaco. E se non intenda procedere ulteriormente affinché si arrivi ad un superamento dell'attuale gestione del comune di Sover, con nuove elezioni. "E' evidente la gravità del gesto - scrivono i parlamentari di Sinistra Italiana - che conferma l'inadeguatezza dell'attuale sindaco del comune trentino, che ha così motivato il proprio gesto :'... Ho frequentato le scuole dell'obbligo e l'italiano non è il mio forte; così ho affidato alcuni appunti con il mio pensiero a un giovane collaboratore, che, forse credendo di rafforzare il mio pensiero, ha utilizzato quelle frasi a mia insaputa...'".

 

"La vicenda - proseguono - ha avuto una forte eco in Italia ma anche in tutta Europa, provocando scalpore e reazioni indignate. L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia e molti partiti hanno chiesto le dimissioni del sindaco. I consiglieri comunali di opposizione nei giorni scorsi hanno depositato una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco, ed è partita una lettera aperta di un gruppo di cittadini del comune di Sover che si sentono maltrattati ed infangati da questo atto del loro primo cittadino. Intanto la richiesta di dimissioni giace sulla scrivania del primo cittadino e degli organi amministrativi. Le minoranze hanno fatto la loro parte. Ora si attende di sapere se esistono i requisiti per chiedere le dimissioni di Battisti dal consiglio e di vedere cosa voterà la sua maggioranza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 05:01

Le esternazioni del presidente del Mart, come quella sul Covid-19 e "Il virus del buco del culo" o "L'evasore fiscale è un patriota", erano state oggetto di diverse interrogazioni da parte delle minoranze. Consiglieri bollati dal critico d'arte come "depensanti" in qualche occasione e che non ha mai mancato di rispondere, anche duramente, alle varie sollecitazioni

01 ottobre - 08:43

L’allarme è scattato nel pomeriggio ma quando i soccorritori sono arrivati sul posto per Michele Paolazzi non c’era più nulla da fare. Il 37enne è deceduto dopo essere stato colpito da un malore

30 settembre - 16:13

La Polizia locale ha voluto ribadire la propria posizione. Lo skateboard era dotato di motore elettrico, motivo per cui assumeva le caratteristiche di veicolo a motore per il quale il codice della strada richiede l’obbligo di immatricolazione, con rilascio del relativo certificato di circolazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato