Contenuto sponsorizzato

Elezioni provinciali 2018, scrutinio finito: tsunami Lega, primo partito e Provincia in tasca

Crollano Pd e Upt. Tra i grandi delusi anche il Movimento 5 stelle che non arriva nemmeno in doppia cifra. Le Stelle alpine chiudono al terzo posto. Fuori Antonella Valer, Mauro Ottobre e Roberto De Laurentis

Foto di Daniele Mosna
Di Luca Andreazza - 22 ottobre 2018 - 16:43

TRENTO. Scrutinio terminato, 529 sezioni su 529, sono 274.983 i votanti, le schede bianche 3.056 e quelle nulle 5.319, mentre i voti contestati e non attribuiti sono 27. I dati sono ancora ufficiosi ma il centrodestra stravince la corsa alle elezioni provinciali del 2018. Un andamento che si è delineato in modo chiaro lungo tutta la mattinata di spoglio delle tessere. Una gara praticamente mai in discussione a sancire l'en plein della Lega che conquista e aggiunge il Trentino a Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia

 

Un autentico tsunami del carroccio, che non tradisce le attese pre-elettorali di favorita, e diventa per distacco il primo partito territoriale. Una cavalcata che raggiunge il 27,07% e 68.875 voti, oltre quattro volte il risultato del 2013 quando chiuse al 6,22% e 14.768 preferenze.

 

Il nuovo presidente della Provincia è così Maurizio Fugatti che raggiunge quota 46,74% e strappa una maggioranza solida in consiglio provinciale: la Lega ottiene 13 seggi (oltre al governatore) e due per Civica Trentina, quindi una poltrona per Progetto Trentino, Agire, Fassa, Autonomisti popolari Forza Italia. A bocca asciutta Fratelli d'Italia e Udc.

 

E' Civica Trentina la seconda forza all'interno della coalizione al 4,62% e 11.745 preferenze in crescita rispetto al 3,71% e 8.806 voti di cinque anni fa. Spazio poi a Progetto trentino a 3,23% e 8.212 voti, quindi Autonomisti popolari al 2,97% e 7.552 preferenze.

 

E ancora Forza Italia al 2,82% (7.167), quindi Udc al 2,08% (5.288) e Agire al 2,14% (5.438), forse tra i movimenti più delusi nel centrodestra insieme a Fratelli d'Italia (1,45% - 3.677), con quest'ultimo partito non riesce a eleggere nessun rappresentante. Chiude l'Associazione Fassa allo 0,98% (2.487).

 

La benzina del centrosinistra finisce quasi subito e si ferma al 25,40%. Crolla il Partito democratico che è la seconda forza in Trentino, ma paga un'emorragia di voti e passa dal 22,06% (52.412 voti) del 2013 al 13,93% (35.530) di oggi. Una "Caporetto" per i democratici se si pensa che esprimevano perfino il candidato presidente della coalizione.

 

Pur nella sconfitta è comunque buono l'esordio di Futura che attesta intorno al 6,93% per 17.670 preferenze, mentre si registra una débâcle anche tra le fila dell'Upt, in caduta libera dal 13,33% (31.653 preferenze) del 2013 al 3,98% e 10.150 preferenze. Il risultato, oltre il candidato presidente, è di 4 seggi al Pd, 2 per Futura e 1 per l'Upt

 

Il Patt e Ugo Rossi chiudono in terza posizione. Le Stelle alpine, che piazzano tre consiglieri e il governatore uscente, registrano il 12,42% (33.121 voti) e scendono dopo il 17,55% (41.689 preferenze) del 2013. Ma quelli erano anche altri tempi e il centrosinistra era compatto.

 

Non può certo essere soddisfatto il Movimento 5 stelle. Realmente mai in gioco in queste elezioni provinciali. I pentastellati non arrivano nemmeno a sfiorare la doppia cifra e si devono accontentare del 7,10% (18.992 preferenze). Una bocciatura per un dato che migliora in modo marginale il risultato del 2013: 5,85% e 13.889 voti. I grillini entrano in Provincia con un seggio e Filippo Degasperi.

 

Nessun rappresentante per le altre liste in campo. Antonella Valer (L'Altro Trentino a sinistra e Liberi e Uguali) chiudono al 2,66% e 7.099 voti. Ecco Autonomia Dinamica di Mauro Ottobre all'1,96% (5.237 preferenze). Nulla da fare anche per Roberto De Laurentis e Tre: 1,51% e 4.015 voti.

 

I Popoli liberi di Paolo Primon si fermano ad un soffio dall'1%: 0,89% e 2.384 voti. Spazio poi a Ferruccio Chenetti e Moviment Ladin (0,71% - 1.904 preferenze) e Filippo Castaldini e CasaPound (0,47% e 1.247 voti). Chiude Federico Monegaglia e Riconquistare l'Italia (0,13% e 350 voti).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 maggio - 18:51

Le disposizioni valide fino al 15 ottobre riguardano lo svolgimento di eventi, competizioni sportive, manifestazioni, convegni, rassegne e iniziative di carattere sovra-regionale, nazionale o internazionale, previsti negli spazi chiusi o all'aperto. Se si vuole provare a organizzare qualcosa è eventualmente necessario seguire protocolli e seguire linee guida speciali

29 maggio - 21:27

Troppo gravi le ferite riportate nel tamponamento, nonostante il tempestivo intervento della macchina dei soccorsi e le successive cure in ospedale, il 67enne si è spento. Le autorità hanno già provveduto a informare l'ambasciata di riferimento per le procedure e gli iter del caso

29 maggio - 19:24

Non sono stati registrati decessi legati a Covid-19 nelle ultime 24 ore. Nessun minorenne tra i nuovi infetti. A Storo ci sono 124 casi da inizio epidemia. Complessivamente ci sono 5.429 casi e 466 decessi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato