Contenuto sponsorizzato

Elezioni provinciali 2018, scrutinio finito: tsunami Lega, primo partito e Provincia in tasca

Crollano Pd e Upt. Tra i grandi delusi anche il Movimento 5 stelle che non arriva nemmeno in doppia cifra. Le Stelle alpine chiudono al terzo posto. Fuori Antonella Valer, Mauro Ottobre e Roberto De Laurentis

Foto di Daniele Mosna
Di Luca Andreazza - 22 ottobre 2018 - 16:43

TRENTO. Scrutinio terminato, 529 sezioni su 529, sono 274.983 i votanti, le schede bianche 3.056 e quelle nulle 5.319, mentre i voti contestati e non attribuiti sono 27. I dati sono ancora ufficiosi ma il centrodestra stravince la corsa alle elezioni provinciali del 2018. Un andamento che si è delineato in modo chiaro lungo tutta la mattinata di spoglio delle tessere. Una gara praticamente mai in discussione a sancire l'en plein della Lega che conquista e aggiunge il Trentino a Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia

 

Un autentico tsunami del carroccio, che non tradisce le attese pre-elettorali di favorita, e diventa per distacco il primo partito territoriale. Una cavalcata che raggiunge il 27,07% e 68.875 voti, oltre quattro volte il risultato del 2013 quando chiuse al 6,22% e 14.768 preferenze.

 

Il nuovo presidente della Provincia è così Maurizio Fugatti che raggiunge quota 46,74% e strappa una maggioranza solida in consiglio provinciale: la Lega ottiene 13 seggi (oltre al governatore) e due per Civica Trentina, quindi una poltrona per Progetto Trentino, Agire, Fassa, Autonomisti popolari Forza Italia. A bocca asciutta Fratelli d'Italia e Udc.

 

E' Civica Trentina la seconda forza all'interno della coalizione al 4,62% e 11.745 preferenze in crescita rispetto al 3,71% e 8.806 voti di cinque anni fa. Spazio poi a Progetto trentino a 3,23% e 8.212 voti, quindi Autonomisti popolari al 2,97% e 7.552 preferenze.

 

E ancora Forza Italia al 2,82% (7.167), quindi Udc al 2,08% (5.288) e Agire al 2,14% (5.438), forse tra i movimenti più delusi nel centrodestra insieme a Fratelli d'Italia (1,45% - 3.677), con quest'ultimo partito non riesce a eleggere nessun rappresentante. Chiude l'Associazione Fassa allo 0,98% (2.487).

 

La benzina del centrosinistra finisce quasi subito e si ferma al 25,40%. Crolla il Partito democratico che è la seconda forza in Trentino, ma paga un'emorragia di voti e passa dal 22,06% (52.412 voti) del 2013 al 13,93% (35.530) di oggi. Una "Caporetto" per i democratici se si pensa che esprimevano perfino il candidato presidente della coalizione.

 

Pur nella sconfitta è comunque buono l'esordio di Futura che attesta intorno al 6,93% per 17.670 preferenze, mentre si registra una débâcle anche tra le fila dell'Upt, in caduta libera dal 13,33% (31.653 preferenze) del 2013 al 3,98% e 10.150 preferenze. Il risultato, oltre il candidato presidente, è di 4 seggi al Pd, 2 per Futura e 1 per l'Upt

 

Il Patt e Ugo Rossi chiudono in terza posizione. Le Stelle alpine, che piazzano tre consiglieri e il governatore uscente, registrano il 12,42% (33.121 voti) e scendono dopo il 17,55% (41.689 preferenze) del 2013. Ma quelli erano anche altri tempi e il centrosinistra era compatto.

 

Non può certo essere soddisfatto il Movimento 5 stelle. Realmente mai in gioco in queste elezioni provinciali. I pentastellati non arrivano nemmeno a sfiorare la doppia cifra e si devono accontentare del 7,10% (18.992 preferenze). Una bocciatura per un dato che migliora in modo marginale il risultato del 2013: 5,85% e 13.889 voti. I grillini entrano in Provincia con un seggio e Filippo Degasperi.

 

Nessun rappresentante per le altre liste in campo. Antonella Valer (L'Altro Trentino a sinistra e Liberi e Uguali) chiudono al 2,66% e 7.099 voti. Ecco Autonomia Dinamica di Mauro Ottobre all'1,96% (5.237 preferenze). Nulla da fare anche per Roberto De Laurentis e Tre: 1,51% e 4.015 voti.

 

I Popoli liberi di Paolo Primon si fermano ad un soffio dall'1%: 0,89% e 2.384 voti. Spazio poi a Ferruccio Chenetti e Moviment Ladin (0,71% - 1.904 preferenze) e Filippo Castaldini e CasaPound (0,47% e 1.247 voti). Chiude Federico Monegaglia e Riconquistare l'Italia (0,13% e 350 voti).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 agosto - 12:28

Lo scandalo dei politici già pagati dai cittadini suoi 10.000 euro lordi al mese che hanno anche fatto la richiesta dei 600 euro destinati a chi era in difficoltà a mettere qualcosa nel piatto e a pagare le bollette sta coinvolgendo tutto il Paese con la Lega su tutti che, però, sta avendo il buon senso di sospendere e stigmatizzare i ''suoi'' che hanno approfittato delle maglie larghe del bonus. In Alto Adige (dove sono 4 i consiglieri provinciali coinvolti), invece, tutto sembra destinato a risolversi con uno scusate, li restituiamo e siamo pari

14 agosto - 12:19

Al 30enne gli è stato ordinato di rientrare in casa. Aveva comunicato all'azienda sanitaria la sua posizione ma aveva deciso di lasciare la quarantena anticipatamente 

14 agosto - 09:42

E' successo nei giorni scorsi quando alcuni cittadini hanno avvisato la società che gestisce il campo della presenza di una ventina di ragazzi che stavano giocando. Non ci possono essere assembramenti per evitare contagi da covid19 e la società ha deciso di chiudere il campo per una giornata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato