Contenuto sponsorizzato

''Ogni volta che apre bocca dice cazzate...Saprei ben io come tappargliela'', così il consigliere di Casa Pound alla Boschi

Andrea Bonazza ha postato su Facebook questa frase che non ha riscosso successi (anzi). Ieri ha tentato di spiegarsi (probabilmente riuscendo a fare peggio): ''Era un post ironico. Chi mi conosce sa bene il debole che ho per lo strabismo di Venere del ministro. Volevo dire che la bacerei per chiuderle la bocca''

Di Luca Pianesi - 06 agosto 2018 - 12:57

BOLZANO. Si può pensare a una frase peggiore? Difficile. Un post più offensivo per una donna? Molto difficile. "Ogni volta che apre bocca, l’ex ministro, dice un sacco di cazzate...Saprei ben io come tappargliela" con smile sorridente e occhiali da sole da bullo a rendere il tutto più squallido. A scriverlo il consigliere comunale a Bolzano di Casa Pound, Andrea Bonazza. Ha pensato bene di accompagnare con questo testo un articolo su Maria Elena Boschi, tanto per cambiare, condiviso sul suo profilo il 3 agosto. Un linguaggio triviale che lui, ieri, ha bollato come ''ironico'' nel tentativo di giustificarsi, sempre su Facebook. 

 

Ora Bonazza, evidentemente, non sa bene cosa sia l'ironia, perché l'ironia è bella, sa essere sottile, è roba da filosofi, grandi pensatori e da semplici cittadini ma dotati di spirito, capaci di capire che dietro un'affermazione si nasconde il suo contrario. Esempio facile: ''Caspita che bella macchina nuova di zecca'' per descrivere, magari, una vecchia auto da rottamare. Dire ''ogni volta che apre bocca, l’ex ministro, dice un sacco di cazzate...Saprei ben io come tappargliela'', non fa ridere, non è bella, non è roba da filosofi e da grandi pensatori e non è nemmeno da semplice cittadino dotato di spirito.

 

Lui, come dicevamo, ieri ha tentato di spiegarsi su Facebook vista la mole di commenti che lo insultavano per quanto scritto (e ripresi da un articolo dell'Alto Adige). Si è così spiegato: "Si, ho detto che il ministro Elena Boschi apre la bocca per dire sempre un sacco di cazzate e che saprei ben io come tappargliela... ma purtroppo la sinistra oggi è sempre attenta alla ricerca di sottigliezze esistenti solo nella loro mente. Ma quale violenza o sessismo?! Mettendo da parte l’opposizione politica, chi mi conosce sa bene il debole che ho per lo strabismo di Venere del ministro, che già ho commentato più volte... Si, ogni volta che la Boschi spara cazzate la bacerei per chiuderle la bocca e ricordarle lo slogan tanto caro alle sinistre “facciamo l’amore, non facciamo la guerra”. Presi come siete a sostenere tutto ciò che esula dalle relazioni naturali, sempre alla ricerca di scovare l’odio, colmi voi stessi di odio, vi siete ormai dimenticati cosa siano il romanticismo e la satira, miei cari! cose alle quali forse non siete più abituati e alle quali difficilmente vi ci riabituerete".

 

Riuscendo, se possibile, a fare peggio. Siccome è bella (intuiamo lui dica questo quando si riferisce allo strabismo di Venere) e gli piace, ogni volta che lei parla (e che per lui dice cazzate) la bacerebbe per chiuderle la bocca. E via di parole, ancora una volta, evidentemente, poco praticate dal consigliere comunale di Bolzano. Romanticismo e satira dove dovremmo ritrovarle in questa sua elucubrazione che ha il sapore della triste giustificazione e che comunque mantiene un tono prevaricatore e di scarsa considerazione per le donne (che, se dicono cazzate, si zittiscono ''romanticamente'' con un bacio).

 

Ma forse ci sbagliamo. Siamo talmente carichi di odio da concentrarci solo su delle sottigliezze mentre Bonazza, in realtà, è un formidabile umorista capace di battute raffinatissime.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 11:05

I dati sono stati presentati durante il progetto quadriennale “Life Blue Lakes”. E' aumentata la concentrazione media di microparticelle di plastica per chilometro quadrato nei laghi, Sul Garda si è passati dalle 9.900 particelle del 2017 alle 131.619 del 2019 per chilometro quadrato

04 luglio - 11:25
L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri, venerdì 3 luglio, intorno alle 21.30 in via Dorighi, in località Lugo, nel comune di Grezzana in provincia di Verona. La bimba stava pedalando e quindi avrebbe perso il controllo della bici. A quel punto è precipitata nel torrente per finire sulla pietre dopo un volo di circa 4 metri
04 luglio - 09:15

Le immagini della fototrappola che è riuscita a catturare un doppio transito dell'animale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato