Contenuto sponsorizzato

Dalla lettera dell'assessora che chiede ''riservatezza'' al comunicato Pat sull'orsetto al Casteller arrivato dopo l'articolo de ilDolomiti. Dallapiccola: ''Nascondere le cose non serve''

Mentre anche la Sat ha chiesto più informazione sul tema Grandi Carnivori e di riattivare il Tavolo della Comunicazione emerge una lettera firmata da Zanotelli che chiede, invece, ai suoi dirigenti più ''riservatezza''. Intanto dopo il caso del lupo ripescato senza testa e zampe anteriori (ma che per la Pat aveva solo delle fratture) arriva quello dell'orsetto catturato. L'ex assessore: ''Se voi non foste usciti con l'articolo lo avrebbero tenuto nascosto?''

Di Luca Pianesi - 31 maggio 2019 - 13:47

TRENTO. ''E' doveroso da parte mia richiamare l'esigenza che da parte vostra sia svolta un'azione di sensibilizzazione rispetto alla necessaria riservatezza che il pubblico dipendente deve garantire nella gestione delle informazioni di cui viene in possesso in ambito lavorativo''. Questo un passaggio della lettera mandata il 18 aprile dall'assessora Zanotelli ai dirigenti dei diversi comparti (in fondo il documento) che rispondono all'assessorato all'Agricoltura, foreste, caccia e pesca da lei presieduto. Una richiesta definita ''ridondante'' dall'ex assessore Michele Dallapiccola (''è come ribadire che debbano timbrare il cartellino, se rientra nei loro compiti lavorativi che senso ha un tale richiamo?'', commenta) che suona, proprio per questo, come una sorta di ammonimento, di richiamo al silenzio, della serie ''nessuno si permetta di far trapelare notizie''. 

 

E così che ci fosse un orsetto catturato da qualche giorno, al Casteller, ve lo ha dovuto raccontare il Dolomiti questa mattina e guarda caso oggi alle 11.25 è stato inviato alle redazioni un comunicato stampa dalla Pat che parla proprio di questo orsetto (QUI IL COMUNICATO) e anche che nell'Avisio era stato ripescato un lupo senza testa e senza zampe anteriori ve lo ha dovuto raccontare il Dolomiti perché sul sito ufficiale dei Grandi Carnivori della Pat ci si limitava a dire che era morto per delle fratture interne (QUI ARTICOLO). Insomma che esista un problema di comunicazione da quando si è insediata la nuova giunta è ormai un'evidenza sotto gli occhi di tutti, tanto che anche la Sat, l'altra sera ha fatto emergere la questione, anche in un incontro pubblico proprio centrato sul ''Rapporto Grandi Carnivori 2018'' (quello che l'assessora Zanotelli ha deciso di non presentare più ufficialmente alla comunità e alla stampa tagliando un importantissimo momento informativo).

 

I tanti presenti alla serata della Sat hanno evidenziato da un lato i problemi legati ai danni causati da orsi e lupi ad allevamento e pastorizia, dall'altro si è ''levato l'appello alla Provincia - si legge nel comunicato ufficiale della Sat - ad intensificare gli sforzi per una comunicazione più capillare e tempestiva, cui si aggiunge quello della Sat a riattivare il Tavolo della Comunicazione, coordinato dall’Ufficio Stampa della Pat e di cui, oltre alla Sat, fanno parte Enti come il Muse, il Parco naturale Adamello Brenta, il Servizio Foreste e fauna e Trentino Marketing. Tavolo che purtroppo - si legge ancora - non si riunisce da quasi un anno, mancando di dare attuazione al Piano della Comunicazione appositamente predisposto e contenente numerose azioni concrete che contribuirebbero a diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza dei grandi carnivori e conseguentemente, se non una maggiore accettazione sociale, almeno un più diffuso equilibrio e moderazione nell’affrontare la quotidiana convivenza''.

 

''Mi chiedo se la Provincia avrebbe lo stesso raccontato alla comunità della presenza di questo orsetto al Casteller se voi de il Dolomiti non foste usciti con la notizia bruciando tutti - commenta l'ex assessore competente in materia Michele Dallapiccola -. La lettera inviata dall'assessora Zanotelli spiega perfettamente certi silenzi, certe omissioni e mostra una chiara paura della giunta Fugatti ad affrontare l'opinione pubblica su temi concreti e problemi reali. Mancano le competenze scientifiche, pratiche, culturali, per affrontare i problemi con soluzioni concrete. E' stato facile per loro criticare tutto e tutti, prima, quando facevano opposizione. Ora che i problemi li devono affrontare si dimostrano impreparati e quindi meglio far calare il silenzio su certi argomenti, meglio nascondere e imporre a tutti il riserbo. E quel che succede in ambito faunistico succede specularmente in tutti i settori compreso quello della sanità. L'assessora Segnana era una di quelle che facevano i gazebo per la riapertura dei punti nascita. Ora che sono al governo si accorgono che certe cose non le possono fare e dicono di non aver mai detto certe cose''.

 

''Che ci siano dei problemi è indubbio - aggiunge Dallapiccola - perché lupi e orsi sicuramente portano, con la loro presenza, un carico di problemi da affrontare, come anche la chiusura delle strutture periferiche in ambito sanitario porta dei problemi per le comunità locali. Ma bisogna cercare di essere concreti e fare delle proposte per tentare di risolverli i problemi. Nasconderli con lettere che invitano alla riservatezza o decidendo di cancellare incontri informativi non porta a nulla anche perché, per fortuna, c'è qualcuno che alla fine le cose le porta lo stesso alla luce. Tornando al discorso dell'orsetto l'unico errore che si può compiere è quello che è stato fatto in questi giorni. Nascondere la notizia è un grande sbaglio visto anche che stiamo chiedendo al ministro Costa più autonomia di azione, la possibilità di ridurre la popolazione degli orsi presenti e di procedere a qualche cattura, comunicare apertamente a tutti che se c'è da salvare un orsetto noi lo salviamo e lo rimettiamo in sesto per riportarlo in libertà fa capire che non siamo contro l'orso a prescindere. Ma che se chiediamo, poi, di rimuovere specifici esemplari è perché, su dati scientifici ed evidenze, questi risultano essere pericolosi o dannosi per davvero. Dimostra che non siamo pro o contro l'orso ma agiamo in maniera competente. Oggi questa competenza non si vede''.  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 19:33

Sono 14 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.402 i guariti da inizio emergenza e 556 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, giovedì 24 settembre, si specifica che 11 sono sintomatici e 1 caso è ascrivibile ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

24 settembre - 17:49

I tamponi analizzati sono stati 1.613. Oggi è stato individuato un caso di coronavirus alla scuola dell'infanzia della Sacra Famiglia di Trento

24 settembre - 18:12

Il giovane nigeriano ieri sera ne aveva già espulsi 21 ma da un secondo esame radiologico è risultato averne ancora è rimasto piantonato nel reparto di chirurgia, in attesa del processo per direttissima che si terrà non appena verrà dimesso dall'ospedale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato