Contenuto sponsorizzato

Il Centro Sociale entra in stato di ''occupazione''. L'appello: ''Il Bruno non si difende da solo. Continuate ad attraversarlo e a resistere con noi''

Mentre la lettera di sostegno alle ragazze e ai ragazzi del centro sociale continua a veder aumentare le firme oggi scadeva il comodato d'uso gratuito della struttura di Piedicastello ma loro continuano a lavorare e il programma settimanale si annuncia già molto ricco e vario

Di Luca Pianesi - 08 giugno 2019 - 19:38

TRENTO. Domani l'appuntamento è con la proiezione del capolavoro di Stanley Kubrick "Spartacus", lunedì viene inaugurata l'aula studio Tekoser, giovedì sarà presentato il libro di Andrea Olivieri ''Una storia oscura e senza pregio'' mentre venerdì continueranno le lezioni di italiano e lo sportello di orientamento legale. Scadeva oggi per il Centro Sociale Bruno il contratto di comodato d'uso gratuito dell'edificio dove, ormai da anni, ha la sua casa. Scadeva oggi e qualche consigliere provinciale leghista già si sfregava le mani postando su Facebook tristi immagini di ruspette giocattolo con sullo sfondo proprio il palazzo di Piedicastello e dichiarava ''è ora che quelli del Bruno vadano a lavorare''.

 

 

Ebbene loro seguono il consiglio e continuano a lavorare. Il Centro Sociale gira a pieno ritmo con tanti appuntamenti già fissati per questa settimana e su Facebook lancia l'appello: ''Il Bruno non si difende da solo. Continuate ad attraversarlo e a resistere con noi''. Insomma, se ancora non fosse chiaro, le ragazze e i ragazzi del centro sociale di Trento non hanno nessuna intenzione di mollare: ''L'abbiamo detto, l'abbiamo ribadito: il Bruno non si caccia - scrivono in un post dove annunciano che da oggi si torna a parlare di occupazione -. Non si caccia con giochetti tecnici e burocratici, non si caccia con la politica aggressiva della giunta leghista, non si caccia con la propaganda dei mezzi di (dis) informazione ai loro piedi''.

 

''Il Bruno - proseguono - resiste per esistere e la sua legittimità nel farlo non deriva da chi amministra le nostre città e governa il nostro paese ma dalle tantissime persone che lo attraversavano, lo hanno attraversato oggi e continueranno a farlo facendolo vivere e contribuendo a mantenerlo un laboratorio di idee e pratiche resistenti nella nostra Trento. A chi pensava che bastasse imbastire un conto alla rovescia per eliminare un'esperienza che va avanti da più di 10 anni è costretto a ricredersi: le nostre attività continuano''.

 

E intanto continuano ad arrivare firme della società civile per dire no a questo sfratto senza alternative che rappresenterebbe, comunque la si pensi politicamente, un impoverimento culturale, sociale e politico per la città di Trento e per tutto il Trentino. (QUI LA LETTERA con LE FIRME e per firmarla basta scrivere a adesioneletterabruno@gmail.com).

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 12:54

I carabinieri di Canal San Bovo stavano indagando da tempo dietro a quello che sembrava un incidente, avvenuto il 3 luglio. Ora è arrivata la denuncia per il reato di lesioni personali, danneggiamento e fuga

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato