Contenuto sponsorizzato

La Lega festeggia con la torta del ''viva la F...'' mentre arrivano le giornate dedicate al rispetto delle donne e contro la violenza

Foto di rito per l'assessore alla cultura della Provincia, il presidente del partito di maggioranza e il consigliere provinciale di zona, attorno a una torta che si racconta da sola, proprio nei giorni durante i quali lo stesso Bisesti ha preso parte alla presentazione degli eventi che ci saranno sul territorio per promuovere, come spiegava la Commissione pari opportunità, ''una cultura paritaria, un corretto linguaggio di genere, una seria educazione al rispetto delle differenze'' 

Di Luca Pianesi - 22 novembre 2019 - 19:10

TRENTO. ''Viva la Lega, viva la F......''. E poi sorrisoni e pollicioni alzati di approvazione, con i vertici del partito di maggioranza in provincia, con tanto si assessore provinciale alla cultura, divertiti per la originalissima trovata. Il tutto mentre, proprio in questi giorni, si parla di donne, di sensibilizzazione, di gesti che sono importanti, di cultura, soprattutto quella degli uomini, che va modificata, ancorata al rispetto e allontanata da stereotipi e biechi riferimenti.

 

E invece ecco che alla serata con i tesserati della Lega delle Valli di Fassa e Fiemme spunta una torta di compleanno che diventa protagonista di foto e risate con il presidente nazionale della Lega Salvini del Trentino (oltre che vicecapogruppo in consiglio provinciale) Alessandro Savoi, il consigliere provinciale di zona Gianluca Cavada (che, orgoglioso, ha pubblicato anche le immagini sulla sua pagina Facebook) e il segretario, nonché assessore alla cultura della Provincia di Trento Mirko Bistesti. 

 



 

Proprio quel Mirko Bisesti che poi, in questi giorni, ha, invece, affiancato l'assessora alle politiche sociali Stefania Segnana per presentare quegli eventi che in questo weekend ricorderanno la Giornata contro la violenza sulle donne e che in conferenza stampa ha raccontato dell''amore tossico'' e del progetto di sensibilizzazione nelle biblioteche e sugli autobus tramite poesie d'amore e Qr-code.

 

 

E tra gli eventi in ballo ce n'era proprio uno quest'oggi, organizzato dalla Commissione pari opportunità, dal titolo ''Riuniamo le forze, non i pezzi'' ed ha discusso ''sull'idea ormai largamente condivisa - spiegava nella sua descrizione la Cpo – che le violenze di genere hanno radici culturali e sociali profonde, la convinzione di tutti è che insieme – donne e uomini – possano affrontarle e combatterle''. 

 

''Una cultura paritaria - proseguiva la Commissione - un corretto linguaggio di genere, una seria educazione al rispetto delle differenze volta a instaurare e coltivare relazioni sane e non prevaricanti, accanto a politiche e leggi ad hoc: queste sono le basi di una società realmente democratica, giusta e non violenta''. Detto questo, evidentemente, c'è ancora chi preferisce la torta con scritto ''viva la F....'' a ribadire che alle parole non sempre seguono i fatti. Poi, per carità, lasciamo il beneficio del dubbio all'allegra combriccola visto che, magari, quel viva la F... stava per ''viva la F...aldastico'' però perché lasciare i puntini di sospensione e non completare la parola, allora?

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
08 febbraio - 05:01
Fra incongruenze e accuse reciproche in Consiglio provinciale è andata in scena una battaglia su date e numeri attorno alla mancata assegnazione [...]
Cronaca
07 febbraio - 18:57
Meta di piacevoli escursioni adatte anche a famiglie, da un paio d'anni a questa parte Malga Somator è diventata una spiacevole e indecorosa [...]
Cronaca
08 febbraio - 07:49
Ad intervenire i vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza l'area, sul posto anche i carabinieri 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato